Categories: Merceologia

Acquavite di uva

Prezioso per la sua futura lavorazione "è il precoce raccolto dell'uva", fatto tecnicamente fondamentale per sfruttare la maggiore carica aromatica…

Febbraio 12, 2012 11:21 am
Prezioso per la sua futura lavorazione “è il precoce raccolto dell’uva”, fatto tecnicamente fondamentale per sfruttare la maggiore carica aromatica del frutto:

Durante la trasformazione dell’uva è doveroso rispettare l’utilizzo di particolari lieviti selezionati e il costante preciso controllo della temperatura di fermentazione, quindi per ottenere un’acquavite priva di sentori amari, va escluso l’utilizzo dell’anidride solforosa dannosa per gli apparecchi di distillazione stessi.
Il laborioso procedimento si attua attraverso l’opera degli “Alambicchi di tipo Discontinuo” di sistema d’evaporazione non oltre i 50 60 gradi in maniera da non annullare i preziosi aromi del prodotto.
L’Acquavite di prima formazione una volta ottenuta attraverso gli apparecchi della distillazione esprime un grado alcolico oscillante tra i 65 i 75 gradi portato in riduzione con l’utilizzo dell’acqua distillata, arrivando alla gradazione commerciale dei consueti parametri tra i 38 e 45 gradi.
L’Acquavite a differenza della grappa deriva dal puro succo dell’uva e non quindi dalle vinacce come avveniva in passato.
Attualmente si è arrivati a questa evoluzione del prodotto maturando l’idea del prodotto di “Puro Frutto” e di conseguenza del suo succo lavorato con abile tecnicita’ dal distillatore donando al consumatore un prodotto di evidente fattura;
Può a volte avere un affinamento leggero per determinarne un invecchiamento in maniera da forgiare il suo irrobustimento organolettico.
L’Acquavite dell’Uva esalta la tradizione dei distillati di frutta  esprimendo la loro intrinseca freschezza e morbidezza constatabile nel loro test.
Annoveriamo tra le Acquaviti di pregiata fattura quella d’Uva Prosecco di pura finezza e fresca armonia fruttata dalle caratteristiche visive trasparenti e limpide, l’Acquavite di Tocai Rosso dal vinoso profumo, morbido con una punta acidula di lievi sentori fruttati di un bianco cristallino, o ancora l’Acquavite d’Uva Aglianico dai sentori floreali dove nei suoi 42 gradi esalta la generosità del suo gusto, ma ricordiamo anche le Acquavite di altri frutti come le prugne le pesche la famosa acquavite di mele e dei mirtilli.

L’esaltazione del frutto dell’uva nel distillato dei suoi freschi sentori.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dodici Cocktails inediti per l’estate 2019

Dodici Cocktails inediti per l'estate 2019 presentati da altrettanti barman dei migliori cocktail bar…

By

Algonquin cocktail ricetta, storia e variazione

Il cocktail Algonquin è un grande cocktail stile whisky-martini con un tocco di tropicale.…

By

Chicago Fizz cocktail storia e ricetta

Il Chicago Fizz è un cocktail classico con un'intensa effervescenza, rum scuro e porto…

By

Storia del sifone seltz

Il sifone della soda, o bottiglia di seltzer - è un recipiente a pressione…

By

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By