Categories: Attrezzatura

Il tagliere

Tutti sanno cosa è un tagliere, in questo articolo Vi daremo alcuni consigli per lavorare agevolmente e utilizzarlo al meglio.…

Agosto 20, 2013 2:44 pm
Tutti sanno cosa è un tagliere, in questo articolo Vi daremo alcuni consigli per lavorare agevolmente e utilizzarlo al meglio.

Prima regola il tagliere ogni volta che finiamo di tagliare qualcosa rimane vuoto, senza alcun residuo, altrimenti in breve tempo non avremo più modo di utilizzarlo per mancanza di spazio. Inoltre lavorare ordinati è fondamentale.

Dove posizionarlo, generalmente si trova alla nostra destra, vicino al bordo del banco, di fianco o in linea c’è il portacoltelli (anche il coltelli non sono mai lasciati liberi sul tagliere, ma ad ogni loro utilizzo sono riposti). Per tenerLo stabile durante il taglio, appoggiare un tovagliolo di carta umido sul banco (o tovaglietta antiscivolo) altrimenti muovendosi ci possiamo ferire.

Il materiale in cui è fatto il tagliere è il polietilene (da escludere qualsiasi altro materiale come il legno, in quanto non a norma di legge HACCP).

Le linee di taglieri in polietilene colorati e di coltelleria professionale con manico colorato aiutano a ridurre i rischi di contaminazione incrociata utilizzando un sistema di codifica dei colori che identifica ogni tagliere ed ogni coltello per un uso specifico e permette di individuare facilmente le diverse aree di lavoro. L’adozione del sistema è un contributo per migliorare la sicurezza nei processi alimentari ed una risposta efficiente alle nuove norme HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) concernenti l’igiene alimentare per una sempre migliore salvaguardia del consumatore.

I colori secondo HACCP devono essere:
BIANCO (generico)
BLU (pesce) ROSSO (carni fresche)
VERDE (verdure)
GIALLO (pollame)
MARRONE (carni cotte)

Per la frutta consigliamo il colore bianco anche perché è quello dove si riscontra subito lo sporco, di conseguenza possiamo da subito eliminarlo.

Manutenzione
Affinché rimanga sempre come il primo giorno dobbiamo ogni volta che finiamo il servizio lavarLo in lavastoviglie, ogni settimana o anche prima se necessario, deve essere lasciato a contatto con l’amuchina la quale oltre lo sporco ucciderà le muffe e batteri.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del sifone seltz

Il sifone della soda, o bottiglia di seltzer - è un recipiente a pressione…

By

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By