L’etichetta dell’Angostura

/, Storia dei cocktails/L’etichetta dell’Angostura

L’etichetta dell’Angostura

L’etichetta dell’Angostura

Il fattore numero uno delle aziende produttrici di alcolici è la produzione. Il fattore numero due è quello di venderlo. Lo fanno in una miriade di modi prevedibili: pubblicità, vendita a mano nei negozi di liquori e bar, apparizioni in fiera e promozioni.

Uno dei modi che i produttori di alcolici utilizzano è attraverso il materiale didattico, principalmente le ricette. A volte questi prendono la forma di piccoli libretti di ricette a portata legati al collo della bottiglia, ma più spesso appaiono come formule di back-label. Gira una bottiglia di Aperol e hai la ricetta dello spritz 3-2-1. Fai lo stesso con una bottiglia di Cynar e conosci il Cynar & Cola o il Cynar Manhattan.

Angostura, il marchio di bitter aromatici venerabili e indispensabili, prodotto a Trinidad e Tobago. Parte della ragione di questo successo è l’iconica etichetta oversize di Angostura. Puoi mettere molto sul quel grosso cilindro di carta bianca, e Angostura lo fa, incluse le ricette per cibi e bevande. (Molte storie sono state dette per spiegare l’etichetta jumbo. La più comune è che un figlio del fondatore Dr. Johann Siegert ha progettato la bottiglia, mentre un altro figlio ha progettato l’etichetta.)

Nella sua etichetta Angostura scrive La sua mini storia, il British Royal Warrant, la riproduzione della vecchia firma di Doc Siegert, la certificazione kosher e ovviamente le ricette.

Secondo l’azienda, i bitter sono adatti alla frutta cotta; frutta in scatola; torte, insalate di ogni tipo; e varie zuppe di pesce “in scatola o congelate”, bisquelle e zuppa di pollo.

Da dove vengono queste ricette? La maggior parte dei marchi di liquori vecchi e famosi sa poco della propria storia e non sembra interessata a scoprirla.
La ricerca, tuttavia, rivelò che Angostura aveva battuto il tamburo della cucina per decenni. L’azienda pubblicava The Secret of Good Taste: The Angostura Cookbook nel 1958. All’inizio degli anni ’60, le ricette apparivano sull’etichetta e seguivano gli articoli di cronaca (Si sospetta che alcuni di questi articoli siano stati scritti in cambio di denaro)

In una serie di opuscoli e annunci pubblicitari della metà del XX secolo pieni di ricette alimentari – stufati, zuppe, sughi, condimenti per gelato – usando Angostura, puntato direttamente alle casalinghe”, ha detto Brad Thomas Parsons, autore del libro Bitters. “Ci sono anche libri di ricette con il marchio di Angostura e opuscoli che risalgono agli anni ’20 e ’30”.

Sulla base di vecchie etichette dagli anni ’60, le ricette alimentari sono cambiate poco. Le ricette di bevande sono una storia diversa. Allo stesso modo, Angostura non ha offerto alcun aiuto nel determinare le ricette per cocktail, quando sono apparse per la prima volta sull’etichetta o chi le ha ideate. Quell’innominabile direttore poteva solo dire che il marchio aveva lavorato con numerosi barman e chef nel corso degli anni.

Basandosi su immagini di vecchie bottiglie, Manhattan sembra essere stato sempre lì. Ma negli anni ’60 fu pubblicizzato un Whisky On-The-Rocks con Angostura. Anche in quel periodo il Gin & Tonic era nel mix. E negli anni ’70 comparve l’Old-Fashioned.

Oggi l’etichetta presenta più ricette che mai. Oltre a Old-Fashioned e Manhattan, c’è Il Southampton, è semplicemente un bicchiere di acqua tonica servita sul ghiaccio, con una fetta di lime e un paio di gocce di bitter.

Author Details

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts – Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

2018-10-16T07:51:54+00:00Ottobre 16th, 2018|Merceologia, Storia dei cocktails|0 Comments

Leave A Comment

error: Contenuti protetti !!