Categories: Cocktails I.B.A.

Long Island Iced Tea

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011 LONG ISLAND ICED TEA 
Long drink 1,5 cl Tequila 1,5 cl Vodka 1.5…

Febbraio 9, 2012 1:50 am
Storia del Long Island Iced Tea

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011
LONG ISLAND ICED TEA 
Long drink

1,5 cl Tequila
1,5 cl Vodka
1.5 cl Rum bianco
1,5 cl Triple sec
1.5 cl Gin
2,5 cl Succo di limone
3,0 cl Sciroppo di zucchero
1 dash di Coca Cola
Aggiungere tutti gli ingredienti nel bicchiere highball riempito di ghiaccio.
Mescolare delicatamente. Guarnire con spirale di limone. Servire con cannuccia

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 2004
LONG ISLAND ICED TEA (highball)
Ingredienti e quantità:
1.5 cl Vodka
1.5 cl Tequila
1.5 cl Rum Bianco
1.5 cl Cointreau
1.5 cl Gin
2.5 cl Succo di limone
3.0 cl Zucchero liquido
Dash di Coca Cola
Mix tutti gli ingredienti direttamente nel bicchiere con ghiaccio. Guarnire con mezza fetta d’arancia

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1987

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1961

L’origine del cocktail Long Island Iced Tea è ancora dubbia. La migliore storia nota è che il cocktail è stato servito alla fine degli anni 1970 da un barista di nome Robert (Rosebud) Buttu, mentre lavorava alla Oak Beach Inn, un famoso locale notturno nella città di Babilonia, Long Island, New York. In un primo momento chiamato semplicemente Rosebud Iced Tea, ma quando il cocktail divenne noto in tutto il paese, introdusse la parola “Long Island” nel nome della bevanda.

Non c’è da stupirsi che molti dei cocktail creati durante il Proibizionismo negli Stati Uniti sono stati inizialmente messi all’ombra, e come questi erano noti solo a piccoli gruppi di persone, e a nessuno sano di mente si sarebbe mai vantato di aver creato un cocktail con ingredienti alcolici, non dobbiamo dimenticare che chi veniva sorpreso a bere o ancor peggio a vendere alcol poteva rischiare sanzioni molto severe fino ad arrivare alla reclusione. Molti di questi cocktail sono stati salvati decenni dopo da baristi che dopo hanno fatto propri.

Un dettaglio che potrebbe chiarire qualcosa è il fatto che nel cocktail è stata aggiunto un pò di Coca Cola per dare uno senzazione simile al tè freddo, è molto comprensibile che durante l’era di divieto la gente cercasse di mascherare cocktail per nascondere il fatto che stessero bevendo alcolici.

Andrea Marangio

Bar Manager & mixologist – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

White Negroni

White Negroni Serve in old fashioned Ingredienti e quantità: 3 cl Gin 3 cl…

By

Negroni- 100 anni di vita del dell’iconico cocktail

La Negroni Week 2019 si svolgerà dal 24 al 30 giugno 2019 e celebra…

By

La vita dei Barman a fumetti: Il Moscow Mule

Ci sono situazioni in cui ogni barman si è trovato,  tra clienti esigenti o…

By

La cocktail list del Fusion Bar by Sacha Mecocci

Una vita dietro al bancone da bar, ma ancora tanta, tantissima voglia di stupire,…

By

Beluga Noble Russian Vodka

Miscela di cereali coltivati ​​nelle pianure della Siberia, con acqua purificata in argento, il…

By

Tre domande a Antonio De Meo

Intervista esclusiva per BarmanItalia ad Antonio De Meo, barmanager del ristorante Liòn di Roma
…

By