Categories: Storia dei cocktails

Storia del Vin Brulé

Nell'approssimarsi del periodo più freddo dell'anno, padroni dello scenario di serate e ambienti tipici invernali  non saranno solo i lussuosi…

Febbraio 9, 2012 12:50 am

Nell’approssimarsi del periodo più freddo dell’anno, padroni dello scenario di serate e ambienti tipici invernali  non saranno solo i lussuosi Brandy

e Cognac ma a render piacevoli ed a inebriare le serate ci sarà il ” Vin Brulé “, semplice nella sua sostanza ma ampiamente generoso per storia e legami culturali di cui possiamo secondo tesi affermare la sua nascita al periodo Romano, quando il suo predecessore “Il Vino Speziato” era di largo consumo e le spezie servivano a conservare meglio il vino. Successivamente fu elaborato corretto e arricchito di particolari dai Frati grandi conoscitori d’erbe e spezie.
Ha numerose proprietà benefiche poiché è Corroborante, Riscaldante e Disinfettante, storicamente in Francia era chiamato “Il Vino Dei Poeti di Strada” in quanto essi trovavano nelle lunghe serate invernali il giusto conforto e ispirazione nelle loro rappresentazioni teatrali nelle Vie Parigine di fine 800 e 900.
Gli ingredienti di questa bevanda sono un Litro di Vino rosso e corposo come ad esempio il Sangiovese, 2 stecche di Cannella, 200 grammi di Zucchero, 8 Chiodi di Garofano, un Arancio ed un Limone, la sua semplice preparazione si sviluppa così: Sbucciando prima l’Arancio ed il Limone privando la buccia della parte bianca, successivamente poi in una pentola a lati alti mettere i chiodi di garofano e le stecche di cannella, unire il vino rosso e 200 grammi di zucchero e le bucce dell’arancia e del limone, mescolare il tutto per sciogliere gradualmente lo zucchero, portare in ebollizione per qualche minuto e mescolare con un cucchiaio di legno.
Il Vin Brulé è una bevanda poco alcolica poiché con l’ebollizione parte del suo contenuto alcolico evapora e quindi ben si adatta alle esigenze di tutti coloro che non tollerano bevande troppo alcoliche.
Prezioso nella sua semplicità ma imprescindibile nel suo carisma legato alle atmosfere invernali.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del sifone seltz

Il sifone della soda, o bottiglia di seltzer - è un recipiente a pressione…

By

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By