Vodka

Dalla parola Russa Voda che significa “Acqua” prende spunto la definizione di quel distillato che per affinità culturale e legami storici è legato a questa terra. Nel quindicesimo secolo nei laboratori di un monastero nelle vicinanze di Mosca  viene per la prima volta elaborato questo distillato di straordinario, nel bene e nel male, spessore alcolico, forza e storicità, nascendo direttamente dai cereali, con gradazione talmente alta che veniva utilizzata nella composizione della polvere da sparo.
In un secondo momento, andando incontro alle necessità dettate dall’impossibilità di mettere ancora in commercio un prodotto così forte e pericoloso, nel diciannovesimo secolo appunto, il famoso chimico Mendeleev  giunse alla razionale via della sua miscelazione con L’Acqua tradotta in lingua Russa Voda da cui prende il nome appunto la Vodka, stabilendo un equa gradazione di 40° adatta a questo distillato di cereali e bucce di patate.
 
Le sue fasi di produzione consistono in:
Maltazione dei Cereali
Divisione: che avviene dopo aver miscelato i cerali maltati con l’acqua separando le parti solide cereali e bucce tenendo isolata la parte liquida destinata alla fermentazione.
Fermentazione: il Mosto ottenuto si fa fermentare ottenendo una specie di birra a bassa gradazione alcolica .
Distillazione: Il liquido sottoposto a fermentazione viene passato ad una distillazione continua.
La Filtrazione: Il distillato viene trattato attraverso i filtri di quarzo sabbia e carbonio ottenendo un prodotto straordinariamente cristallino.
Successivamente verrà aggiunta dell’acqua per stabilire una gradazione commerciale del prodotto.
L’Affinamento verrà effettuato per un certo periodo in botti d’acciaio.
Ne esistono di due tipi storici:
La Osobaya dai caratteri più fini ed esponente di un prodotto raffinato e d’alta struttura qualitativa.
La Krepkaya di forza e struttura alcolica notevole.
La forza della Vodka allo stesso tempo neutrale o ben amalgamabile la ritroviamo in numerosi Cocktails tra i quali ricordiamo Il Black Russian, la Caipiroska, il God Mother, Harvey Wallbanger e Bloody Mary.
I Paesi con la  più alta produzione della Vodka sono La Russia la Beilorussia, Ucraina, Polonia, Finlandia e Svezia, Canada, Australia, Caraibi, Asia, Germania e Francia.
La Forza e la Storia di un distillato ambasciatore delle culture Est Europee.

La Vodka “Aromatizzata ed Invecchiata”

Elaborando il discorso della Vodka alla sua ramificazione variegata, poniamo in risalto alcuni fattori e cioè basilarmente essa è un distillato neutro che per sua forza e perfetta simbiosi con altri elementi è stata utilizzata nell’800 e tutt’oggi per la fortificazione dei Vini, dello Sherry e del Porto dando ad essi struttura e vigore.
Pur essendo un prodotto emblematico per forza alcolica, spesso lasciando in disparte un importante discorso finezza e qualità, a favorire il richiamo solo per la sua alta gradazione, appunto per affinare talune categorie di Vodka non eccelsa, nel passato venivano “Mascherate” con aromi per migliorarne la qualità.
Oggi l’elaborazione della Vodka Aromatizzata ha portato allo sviluppo di prodotti tecnicamente interessanti e qualitativi come: La Hokhotnichya aromatizzata allo Zenzero, Anice, Chiodi di garofano col caffè, bucce di limone e un  vino di struttura similare al Porto Bianco; Un altro esempio La Pertsovka aromatizzata al  Peperoncino e Grani di pepe e ancora la Zubrovka aromatizzata alle particolari erbe dei pascoli dei Bisonti e man mano tante altre tipologie di Vodka in variegati abbinamenti e aromi di più o meno alto riscontro nel panorama commerciale.

Altra importante Variante della Vodka è appunto quella “Invecchiata” che esprime un prodotto sottoposto al particolare procedimento “Reverse” dove il distillato passa attraverso dieci Colonne di Distillazione, per poi ripercorrerle all’indietro in modo da ottenere la massima purezza e morbidezza, aggiungendo di seguito acqua per abbassarne il grado alcolico e trattandola infine con un processo di Filtrazione a Carbone; Questo procedimento manifesta un prodotto dal colore giallo dorato e di sfumature ambrate di gusto elegante equilibrato e di fresco profumo, arrivando sino all’invecchiamento in grandi botti di Quercia Russa per un periodo di tempo non ben definito per custodire il segreto di questo particolare prodotto  ottimo in abbinamento con il Salmone affumicato.

Un’ altra variante particolare della Vodka è la Starka o Vodka Vecchia emblema delle prime e antiche produzioni di Vodka in particolari elaborazioni con infusione in foglie di albero da frutta e Il Porto il Brandy e ancora con la frutta secca con affinamento finale in Fusti di Rovere.
Aromi e passione, nella cura e maestria della produzione di questo famoso distillato.

2012-02-04T10:07:33+00:00Febbraio 4th, 2012|Merceologia|0 Comments

Leave A Comment

error: Contenuti protetti !!