Elemento di primaria importanza come l’Acqua, il Caffé, l’Alcool, le Erbe ed il Latte è per chi lavora nell’ambito dell’American Bar lo “Zucchero” e i suoi derivati.

La sua formula è C12H22O11, il Disaccaride Saccarosio della famiglia dei Carboidrati facente parte dei Glucidi.

Esso nasce dalla Barbabietola da zucchero o dalla Canna da Zucchero;
Ricordiamo come nel passato i primi a fare uso e scoprire la Canna da Zucchero furono gli Arabi adoperandosi abilmente e produttivamente nel suo impianto sulle rive del Mediterraneo.

Dalla lavorazione della pianta graminacea quale è la Canna da zucchero, attraverso la lavorazione dei suoi fusti si estrae questo liquido dolce per eccellenza appunto lo Zucchero, ma per costi e questioni climatiche nonché Commerciali nel 700 in Germania ci si adoperò per lavorazione e quindi estrazione dello zucchero dalla Barbabietola che nelle sue profonde radici sviluppa in una notevole quantità la sostanza zuccherina, quindi tecnicamente, la pianta della Barbabietola da Zucchero una volta lavata e tagliata viene messa in ebollizione on l’acqua calda dando luogo allo scioglimento dello zucchero ma solo attraverso l’utilizzo e quindi la reazione chimica ottenuta al contatto con la Calce lo sciroppo in questione libererà il prodotto dalle impurità per poi essere separato dalla Melassa e imbiancato.
Ricordiamo come dalla fermentazione e distillazione del succo di canna, degli sciroppi e melasse legate strettamente alla lavorazione dello zucchero abbiamo uno dei prodotti principe negli American Bar appunto il Rum sia Agricolo che Industriale.

Lo Zucchero è ingrediente non di secondo piano in numerosissimi cocktails quali John Collins, Mojito, Caipirina, Caipirita, Old Fashioned, Irish Coffee.
Non solo gusto quindi, ma nelle dosi equilibrate è fornitore di una in equiparabile sferzata di energia per il nostro cervello e muscolatura la quale necessita del Glucosio per il suo funzionamento.

Quale altro prodotto della natura è così generoso nel donare quel test immediato di dolcezza sprigionando benessere nell’individuo e mitigando armoniosamente i sapori troppo amari o eccessivamente salati?
Naturalmente il nostro amato e pregiato Zucchero.

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags Zucchero

Recent Posts

  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Cocktails Video

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am
  • Interviste

Lo scrittore si racconta: intervista a Marco Garino

Ci racconti la tua storia personale, chi è Marco Garino? Sono un intramontabile positivo sempre appassionato per quello che faccio.…

Maggio 16, 2019 11:25 pm
  • mixologist in evidenza

Beerologism, ovvero la sperimentazione della birra a Lovecraft Firenze

Love Craft a Firenze si è affermato così velocemente durante il primo anno d'esistenza da meritarsi già l’appellativo di locale…

Maggio 15, 2019 11:23 pm
  • Miscelazione

Il gusto umami nei cocktails

Umami è una parola giapponese che è stata coniata nel 1908 da un chimico dell'Università di Tokyo chiamato Dr. Kikunae…

Maggio 14, 2019 11:42 pm

This website uses cookies.