Categories: Il servizio al bar

A quale temperatura si bevono gli alcolici

Vodka ghiacciata, temperatura ambiente per il whisky, sake caldo. I cocktail tendono ad essere consumati ben freddi, dal momento che…

Settembre 5, 2018 10:43 pm
A quale temperatura si bevono gli alcolici

Vodka ghiacciata, temperatura ambiente per il whisky, sake caldo.

I cocktail tendono ad essere consumati ben freddi, dal momento che sono scossi o mescolati con il ghiaccio (tranne che per le bevande come l’Hot Toddy). Ma gli spiriti sono bevuti a temperatura ambiente oppure on the rocks, con il ghiaccio nello spirito il quale accumula un pò di freddo e diluizione del ghiaccio. Il fatto è che, mentre molti di noi hanno l’abitudine di bere gli alcolici freddi, il realtà tutti gli spiriti – vodka inclusa – produrranno maggiori informazioni se degustati a temperatura ambiente.

Certo, le informazioni contenute non sono l’obiettivo del bere alcolici. A meno che tu non sia un assaggiatore professionista, a giudicare una gara di spiriti o a scrivere una descrizione di prodotto, è molto più probabile che tu stia bevendo per piacere. In questo caso, hai una certa libertà per bere il tuo spirito a qualsiasi temperatura tu preferisca (diamine, l’hai comprato, quindi sentiti libero di rilassarti o di riscaldare la tua tequila, è un paese libero). Ma se lo spirito avrà un buon sapore dipende da alcuni fattori.

La maggior parte di questi fattori ha a che fare con il tipo di composti aromatici che lo spirito deve condividere. Gli spiriti invecchiati e più scuri avranno più congeneri (impurità e composti aromatici che possono accuratamente-formare il profilo aromatico di uno spirito). Gli spiriti invecchiati raccoglieranno ancora più sapori provenienti dalle botti in cui sono stati invecchiati. Non che gli spiriti limpidi siano privi di sapore. Mentre la distillazione a colonna tende a produrre spiriti limpidi con meno congeneri e gradazioni alcoliche più alte, questi spiriti possono essere infusi con sostanze botaniche (come nel gin) o invecchiati brevemente in botti di legno (come i rum bianchi) e poi filtrati.

Anche la consistenza o la sensazione della bocca cambieranno con la temperatura. La vodka viene spesso consumata tradizionalmente fredda, e il gin o la vodka, quando conservati nel congelatore, assumono una viscosità in bocca più ricca, che può aiutare a mascherare alcune delle durezze alcoliche associate alle vodke neutre, ad es.

E poi c’è la stanza stessa. Se sei in una stanza calda, è probabile che lo spirito abbia un sapore un pò sgradevole, questo perché un ambiente ideale per la temperatura degli spiriti è qualcosa di simile ad una fresca giornata di primavera. Naturalmente, degustare a temperatura ambiente non significa che non è possibile aggiungere un cubetto di ghiaccio (o qualche goccia di acqua fredda) per diluire leggermente la bevanda e aprirla. Inoltre ottieni quel suono tintinnante.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.