Categories: mixologist in evidenza

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best International Bar Team agli Spirited Awards…

Ottobre 7, 2020 7:54 am

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best International Bar Team agli Spirited Awards 2020, il Connaught Bar presenta il nuovo menu

A 12 anni dall’apertura del leggendario Connaught Bar di Londra, la ancor più tanto attesa riapertura di settembre 2020 porta con sé grandi novità. Un ritorno che per il team capitanato da Ago Perrone, Director of Mixology, e Giorgio Bargiani, Head Mixologist, ha visto la vittoria di uno dei riconoscimenti più ambiti, Best International Bar Team agli Spirited Awards 2020 di Tales of the Cocktail, ma anche una nuova ondata di creatività e innovazione grazie al lancio della nuova cocktail list Formae.

Basato sul concetto di forma, il menu prende ispirazione delle forme del prestigioso bar ma anche dalla continua evoluzione della forma mentis del team, del loro processo creativo e del senso di ospitalità che continuano a rinnovarsi di anno in anno per stupire gli ospiti e il mondo dei cocktail bar. Le sfide ed i cambiamenti non hanno scalfito il caratteristico spirito di adattamento del team né la loro continua ambizione ad andare avanti, incontro al futuro; semmai il contrario. Dare forma agli standard più elevati e più avanzati in fatto di cocktail e ospitalità è sempre stato una prerogativa del Connaught Bar e dei suoi leader. Con Formae questa idea raggiunge finalmente il suo apice di concretezza.

Una cocktail list che porta i tratti caratteriali della tradizione del bere miscelato del Connaught Bar, Formae si presenta suddivisa in tre capitoli: Equilibrium, che richiama appunto l’equilibrio fra forme e sapori; Paradigm, ispirato all’armonia che sistabilisce fra le forme architettoniche del bar e i suoi cocktail e, infine, Nebula che ci porta su una dimensione di irregolarità, quella della sperimentazione e della ricerca. Ogni capitolo segue uno schema ricorrente: cinque drink di cui uno analcolico.

Le cinque proposte di Equilibrium sono le più empiriche della lista. Magnetum, una delle star di questa sezione, viene servito con uno strainer creato appositamente per il drink la cui forma prende ispirazione dalla famosa porta di ingresss del Connaught Bar su Mount Street a Mayfair. Combinando l’essenza tradizionale di whisky e sherry con latte, ananas e note florali di bitter homemade alla lavanda, il drink offre diversi strati di fragranze e sapori che vengono poi fusi nel momento in cui si solleva lo strainer incorporato nel cocktail.

Nel capitol Paradigm troviamo The Frames , un riferimento al pannello Cubista in rovere del Connaught Bar con il suo trattamento ruvido di argento platinato scintillante. La combinazione classica di gin, vermouth e whisky viene miscelata a succo di Sauvignon Blanc, frangranze di fave tonka e liquore di peperoncino di espelette che offre quell’intensità aromatica di sapori caldi e note speziate. Altro showstopper è Voronoi, omaggio alle luci curve che sovrastano il bar. Servito con un blocco di ghiaccio intagliato a mano in un’elegante coppa, questo drink vivace dai colori rosei unisce tequila, mezcal, sherbet di lime e bacche timur, vermouth e bitter al pompelmo.

Flint, il cocktail preferito di Perrone e Bargiani dal capitolo Nebula, nasce da una collaborazione con Remy Martin XO che ha visto i due mixologist lavorare con il ceramista Reiko Kaeno al fine di creare un bicchiere customizzato che unisce tradizione, artigianato e innovazione. La consistenza ruvida dell’esterno del recipiente in ceramica è armoniosamente contrastata da una superficie levigata all’interno, dipinta a mano con intricate pennellate bianche che evocano le scintille di una fiamma. Queste scintille rappresentano simbolicamente le fondamenta di questa collaborazione creativa e il suo processo, dalla naturale ruvidezza ad una miscella raffinata. Il cocktail vede una miscela di Remy Martin XO con melone tropicale lattofermentato e soda botanica il cui aroma erbaceo viene accentuato da Chartreuse verde. Un vero incontro delle arti della mixology e dell’artigianato.

Per quanto riguarda i cocktail analcolici, Pietra rappresenta uno dei tre drink signature del menu. Un omaggio al marmo dei pavimenti della passerella che conduce dall’ingresso al famoso Martini Trolley, questo drink unisce succo di Sauvignon Blanc, sciroppo di miele di osmanto e kombucha di ginseng e bergamotto in onore dei bitter aromatici del Martini Trolley stesso.

A proposito del nuovo menu, Ago Perrone ha detto: “Più che mai, negli ultimi mesi abbiamo dovuto tirar fuori un grande senso di adattamento, ridare forma al nostro modo di pensare e comportarci, così come al nostro modo di dar vita alle idee per aprire un nuovo capitolo nel settore di bar e ristorazione. Vogliamo continuare a guardare avanti e a sostenere la creatività che ci permette di dare forma al futuro della mixology con cocktail innovativi abbinati al nostro spirito classico di ospitalità. La nuova cocktail list Formae è un’espressione molto personale del processo creativo del nostro team al Connaught Bar e ogni singolo drink porta con sé una storia e una ricerca iniziate molto tempo fa e rese ancora più significative dal contesto in cui viene presentato.”

Il menu Formae include 15 drink che vanno da £13 a £25 disponibili al Connaught Bar e delle novità in bottiglia da asporto, il Connaught Martini e Negroni.

Andrea marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By