Categories: Noi e l'alcool

Alcolici consumi: gusto e percezione del grado alcolico

L'alcol ha un sapore più dolce in ambienti rumorosi, e in particolare quando la musica viene suonata dal vivo, Una…

Agosto 28, 2012 8:01 am
L’alcol ha un sapore più dolce in ambienti rumorosi, e in particolare quando la musica viene suonata dal vivo, Una ricerca ha provato che i bevitori trovano più difficile distinguere il grado alcolometrico delle bevande quando sono esposti alla musica, portando ad un aumento del consumo di alcol.
La notizia offre una nuova opportunità per i baristi di manipolare nuove esperienze del bere attraverso l’uso strategico della musica, ma mette in evidenza ulteriori problemi per i conducenti, l’industria bar e le autorità locali.

I risultati paragonati con ricerche precedenti hanno trovato che esiste una correlazione tra la velocità del bere e la quantità di consumo quando la musica è più forte e più veloce in fase di riproduzione, mentre altre ricerche hanno anche dimostrato che la manipolazione del volume riguarda la percezione della freschezza in alcuni alimenti.

I ricercatori hanno lavorato con 80 studenti universitari a cui è stato chiesto di valutare una vasta gamma di bevande di diversa gradazione alcolica in una varietà di ambienti – che vanno da nessuna distrazione per l’ascolto, a musica ‘hardcore’ a 80 dB, e intraprendere in contemporanea il compito di ascolto di una notizia – e tenere una conversazione con un amico in un bar.

Il dottor Stafford ha trovato che la percezione di dolcezza era significativamente più alta nel gruppo che ascoltava musica rispetto al gruppo di controllo e le altre condizioni di distrazione, mentre coloro che hanno svolto il compito durante l’ascolto di musica erano meno capaci di discriminare il titolo alcolometrico.
Dr Stafford ha detto: “Dal momento che gli esseri umani hanno una preferenza innata per la dolcezza, questi risultati offrono una spiegazione plausibile sul perché le persone consumano più alcol in ambienti rumorosi.

“Questo è stato un piccolo studio, ma ha enormi implicazioni per coloro che bevono alcolici in ambienti rumorosi. Coerentemente diventa più difficile giudicare il reale gusto delle bevande, che possono essere giudicate più dolci in un ambiente rumoroso, e meno alcoliche.

Un ulteriore lavoro è stato necessario per capire se la natura della musica (se si giudica come ‘piacevole’ o ‘spiacevoli’) potrebbe anche influenzare la percezione di dolcezza. “Potrebbe essere che la musica di sottofondo induce una più forte associazione verso la dimensione del dolce, con conseguente maggiore percezione dolce”.

Siamo a conoscenza di studi precedenti che indicano come elevato senso di amarezza/acidità può essere raggiunto giocando con specifici tipi di suoni

Ha aggiunto che, cercando in più modi di influenzare in modo proattivo la percezione del sapore attraverso il suono così come altri mezzi. Sarebbe interessante ripetere altri studi con diversi generi musicali. I soggetti esaminati potrebbero dare una maggiore precisione sul grado di dolcezza, amarezza o acidità in modo diverso in base a ciò che stanno ascoltando.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.