Categories: Prodotti

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un classico liquore alle erbe italiano. Consumato…

Settembre 17, 2019 10:20 pm

Bitter. La parola significa “amaro” in italiano. Ma è anche il nome di un classico liquore alle erbe italiano. Consumato frequentemente dopo cena per favorire la digestione, l’amaro è una miscela di erbe, radici e alcol con un carattere amaro che viene anche assorbito come tonico e come ingrediente di raffinate bevande miscelate.

La storia dell’amaro risale ai tempi dei romani. Gli archeologi hanno trovato tracce di vini infusi con erbe, che erano principalmente preparati per le loro virtù mediche. L’aristocrazia romana, alla ricerca di piaceri lussuosi ed esotici, amava fondere erbe rare e preziose nel vino, che credevano avessero poteri soprannaturali.

Durante il Medioevo, i monaci e gli alchimisti sostituirono il vino con l’alcol in queste ricette a base di erbe, che venivano somministrate come rimedi medicinali. Nel corso dei secoli, queste formule sono diventate molto popolari tra i nobili, che le chiamavano liquori. Le ricette tradizionali di liquore cambiarono poco fino a quando un chimico milanese di 24 anni di nome Ausano Ramazzotti non sviluppò un liquore fortificante, che divenne uno dei più famosi amari del mondo.

È il 1815. Ausano Ramazzotti possiede un’erboristeria situata vicino all’Arena di Milano. Vende anche vini e liquori. È un piccolo negozio con un laboratorio altrettanto piccolo.
Ma è in quel negozio che Ramazzotti ha sfruttato al massimo la sua vasta conoscenza di piante curative e alcoli. Prova varie ricette, cercando di creare un amaro con un’amarezza attenta che potrebbe potenzialmente soddisfare un pubblico più vasto.
Buccia d’arancia, anice stellato cinese, radice di angelica, chinino, petali di rosa, vaniglia … alla fine, ha perfezionato un’armoniosa miscela di 33 ingredienti. Ausano chiamò il suo amaro, l’Amaro Festina Ramazzotti.

Il successo è arrivato rapidamente. I clienti di Ramazzotti hanno così apprezzato questo gusto particolare e le sue proprietà toniche e digestive che ha guadagnato una grande reputazione in tutta la città.
Fu durante questo periodo che i primi caffè aprirono a Milano. Erano i luoghi di ritrovo in cui la maggior parte delle persone si incontrava con gli amici davanti a una buona tazza di caffè per discutere di musica o letteratura, evitando al meglio argomenti circa la politica locale o nazionale.
È il 1848. Ausano Ramazzotti ha una deliziosa ispirazione. Apre uno stabilimento, vicino al teatro alla Scala, dove i suoi clienti possono assaporare l’amaro Ramazzotti invece del caffè. Per lui, è il modo ideale per promuovere il suo amaro e conquistare nuovi clienti ogni giorno. La sua ispirazione ha dato i suoi frutti. Amaro Ramazzotti diventa l’amaro preferito in tutta Italia.

È il 1866. Ausano Ramazzotti muore. Ha 75 anni. Nel giro di 50 anni, il suo Amaro Ramazzotti trasformò il suo piccolo negozio di erbe in una moderna società di produzione commerciale che impiegava circa un centinaio di lavoratori.
I suoi eredi lasciarono il piccolo negozio originale e trasferirono la produzione in un impianto più grande in Via Canonica, aumentando la produzione per soddisfare una domanda crescente.
Nel 1900 Ramazzotti miglioraro ulteriormente la produzione, applicando tecniche all’avanguardia. E ad eccezione della prima guerra mondiale, questi sono anni felici pieni di progresso ed espansione. Questi sono anche gli anni che vedono la nascita della pubblicità moderna.

La storia di Ramazzotti è profondamente legata alla storia della pubblicità italiana. I primi grandi nomi dell’arte pubblicitaria italiana come: Cappiello, Seneca, Dudovich, Boccasile – hanno creato i famosi poster Ramazzotti, che oggi si trovano in numerosi musei e collezioni private.

Ma è soprattutto il famoso slogan del 1934 che è sinonimo di successo del marchio. “Un amaro RAMAZZOTTI fa sempre bene” è stato blasonato nelle campagne pubblicitarie della compagnia ed è entrato nella coscienza collettiva italiana fino ad oggi.
Quasi 200 anni dopo che Ausano Ramazzotti ha condotto i suoi esperimenti per la prima volta, Amaro Ramazzotti è una bevanda prodotta in milioni di litri all’anno, apprezzata in tutto il mondo.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.