Categories: Prodotti

Angostura

I bitter aromatici Angostura furono ideati in Venezuela, nel 1824, da un medico J.G.B. Siegert, allora chirurgo nell’armata di liberazione…

Febbraio 2, 2012 9:51 pm
I bitter aromatici Angostura furono ideati in Venezuela, nel 1824, da un medico J.G.B. Siegert, allora chirurgo nell’armata di liberazione del generale Simòn Bollivar. Egli sviluppo la sua ricetta nella città di Angostura, poi Cludad Bolivar, poste sulle rive dell’Orinocco, durante il periodo in cui era a capo dei servizi sanitari nell’ospedali militare.
Siegert creò questo elisir, utilizzando spezie ed erbe disponibili in loco, per curare gli stomaci debilitati e i disordini digestivi che a quei tempi affliggevano i soldati; il bitter fu messo in vendita per la prima volta nel 1830 e divenne talmente popolare che il dottor siergert fondò anche un’azienda per produrlo. Dopo la sua morte, l’azienda e la ricetta segreta passarono in eredità ai figli, Carlos e Alfredo, che, nel 1875, trasferirono la società a Trinidad. Ancora oggi, essa è in mano alla famiglia.

La piccola bottiglia da 230 ml del bitter Angostura, peculiarmente avvolta nella sua etichetta, si trova in tutto il mondo, nei bar, nei ristoranti e nelle case.

Produzione

Si sa ben poco della ricetta e della produzione effettive dall’angostura, a parte il fatto che la base è il rum e che uno degli ingredienti principali, fra i 12 o più che lo compongono, è la genziana. Il colore bruno scuro deriva esclusivamente da i colorati vegetali naturali.

Il processo di produzione dura circa tre mesi e la bevanda ha una gradazione alcolica del 44,7% in Europa e del 45% negli Stati Uniti.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

Ingredienti non vegani che puoi trovare nel tuo cocktail

Nel mondo dei cocktail, siamo abbastanza bravi a conoscere oscuri fatti storici su categorie…

By

il cavatappi ha una storia molto lunga e interessante.

Non ci sono molti strumenti in cucina o nel bar che sono dati per…

By

Lavoro al bar e famiglia, mantenere l’equilibrio

Come genitore, è naturale sentirsi in colpa quando non si trascorre del tempo con…

By

This website uses cookies.