Categories: Prodotti

Aperol

Aperol fu prodotto per la prima volta nel 1919, dalla Barbieri, una piccola azienda familiare di Padova; Silvio e Luigi…

Febbraio 2, 2012 10:14 pm

Aperol fu prodotto per la prima volta nel 1919, dalla Barbieri, una piccola azienda familiare di Padova; Silvio e Luigi Barbieri, figli del fondatore Giuseppe, crearono il drink in risposta alla crescente voga francese degli aperitivi.

Sebbene oggi la produzione sia quasi completamente automatizzata, il processo di produzione rimane fedele alla ricetta originaria. Aperol è stato uno dei primi aperitivi in Italia ad essere pubblicizzato in televisione, negli anni ’50

Produzione

L’Aperol è un aperitivo a base di acquavite con una percentuale alcolica relativamente bassa (11%) fra gli ingredienti che lo compongono, circa 16 e in gran parte provenienti dal Piemonte, si trovano la corteccia dell’albero di china, il rabarbaro cinese, la genziana e l’assenza di arancia. L’aperitivo viene imbottigliato dopo essere stato miscelato ed è quindi pronto per essere messo in commercio.

Note Sulla Degustazione

OLFATTO
Leggermente alcolico, al gusto d’arancia, con accattivanti sentori di erbe addolciti da un tocco di vaniglia.

CORPO
Arancione intenso in superficie, con note di erbe e legno piacevolmente agrodolci e salate.

TEXTURE
Vellutata e rotonda, con durevoli ricordi di arancia e legno.

RETROGUSTO
Piacevole retrogusto agrodolce, tipico delle erbe.

Terrazza Aperol

Terrazza Aperol è una location esclusiva che rispecchia la natura easy going dell’aperitivo del momento, Aperol Spritz: una vetrina per un pubblico vivace, dinamico, eclettico, nel cuore di Milano.Per creare il locale, il designer Antonio Piciulo si è concentrato su un’idea: sviluppare la potenzialità che un liquido – Aperol Spritz – può generare. Questo concetto è stato tradotto in un layout e in elementi di arredo che ricordano il prodotto, a partire dal barcounter, “un fotogramma freezato di un fluido sospeso nell’aria”. La fluidità viene modellata ed esaltata con il colore di Aperol, amplificandone la percezione immateriale e trasformando il bancone in una presenza strutturata, seppur leggera e funzionale all’uso. Il fil-orange percorre tutto il locale, dalle bolle che dal cavedio salgono ed entrano nel locale riprendendo il perlage di Aperol Spritz, fino al table-set a forma di goccia arancione.La posizione centrale, il prestigio ed il design rendono Terrazza Aperol ideale anche come cornice per colazioni e pranzi di lavoro ed eventi privati.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

Ingredienti non vegani che puoi trovare nel tuo cocktail

Nel mondo dei cocktail, siamo abbastanza bravi a conoscere oscuri fatti storici su categorie…

By

il cavatappi ha una storia molto lunga e interessante.

Non ci sono molti strumenti in cucina o nel bar che sono dati per…

By

Lavoro al bar e famiglia, mantenere l’equilibrio

Come genitore, è naturale sentirsi in colpa quando non si trascorre del tempo con…

By

This website uses cookies.