Categories: La professione

Assumere un barman: età e aspetto fisico

È una frase che sentiamo spesso: l'età è solo un numero. Ma nel mondo del bar, in cui hai pochi…

Gennaio 4, 2019 11:51 pm
Assumere un barman

È una frase che sentiamo spesso: l’età è solo un numero. Ma nel mondo del bar, in cui hai pochi secondi per fare una buona impressione o vendere un drink, quel numero può essere la differenza tra una carriera di successo e una finita presto o peggio, una che non è mai nemmeno decollata.

I proprietari e i gestori di bar in genere hanno in mente un’ideale quando assumono una squadra. Pensano attentamente quali sono le qualifiche necessarie, come se è necessaria la capacità di sollevare carichi pesanti, se il candidato deve avere conoscenze merceologiche o avere la capacità di padroneggiare uno stile particolare.
Ma forse più importante, hanno un aspetto in mente. L’aspetto della giovinezza.

Nei primi 20 anni di lavoro nei bar, è facie avere un aspetto: fresco, atletico con tanta energia da vendere, perfetto per una fascia d’età generale compresa tra i 25 e i 35 anni. Abbastanza grande per avere l’esperienza necessaria, ma non così “vecchio” d’età.

Entra in qualsiasi cocktail bar, e capirete cosa intendiamo. L’industria delle bevande è composta da giovani. Ma cosa succede quando i candidati per un lavoro qualificato cadono al di fuori di questo profilo d’oro? Siamo così innamorati dell’estetica che stiamo chiudendo le porte al vero talento? In altre parole: l’industria del consumo degli alcolici ha un problema con la discriminazione basata sull’età?

Non è raro vedere persone assunte esclusivamente per il loro aspetto fisico o età anagrafica. Se chiedi spiegazioni al responsabile di solito senti un commento del tipo ” non sono adatti per questo lavoro ma… “, ma non è difficile leggere tra le righe

Molte persone lamentano il fatto di essere snobbati per lavori per i quali sono qualificati. Alcuni non includono più età nel CV o nei moduli di domanda per paura di non essere richiamati. Altri dopo una certa età, iniziano a mentire su l’età. E non sono solo le donne a sentirsi vittime di discriminazione per età.

Oggi ci sono così tanti ristoranti e bar che a malapena abbiamo abbastanza umani qualificati per impiegarli. Eppure uomini e donne con l’esperienza necessaria, sono trascurati a causa del loro anno di nascita. Oggi puoi gestire un bar a 27 anni. L’industria del turismo ama i giovani perché puoi pagarli meno, facendoli lavorare di più.

Una cosa è certa, però: la discriminazione, in qualsiasi forma, è incompatibile con lo spirito dell’ospitalità. Se la storia recente è indicativa, quello che potrebbe essere stato una volta un piccolo sporco segreto del settore industriale può rapidamente trasformarsi in un riflettore lampante che i consumatori non possono facilmente ignorare.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

This website uses cookies.