Categories: La professione

Assumere un barman: età e aspetto fisico

È una frase che sentiamo spesso: l'età è solo un numero. Ma nel mondo del bar, in cui hai pochi…

Gennaio 4, 2019 11:51 pm
Assumere un barman

È una frase che sentiamo spesso: l’età è solo un numero. Ma nel mondo del bar, in cui hai pochi secondi per fare una buona impressione o vendere un drink, quel numero può essere la differenza tra una carriera di successo e una finita presto o peggio, una che non è mai nemmeno decollata.

I proprietari e i gestori di bar in genere hanno in mente un’ideale quando assumono una squadra. Pensano attentamente quali sono le qualifiche necessarie, come se è necessaria la capacità di sollevare carichi pesanti, se il candidato deve avere conoscenze merceologiche o avere la capacità di padroneggiare uno stile particolare.
Ma forse più importante, hanno un aspetto in mente. L’aspetto della giovinezza.

Nei primi 20 anni di lavoro nei bar, è facie avere un aspetto: fresco, atletico con tanta energia da vendere, perfetto per una fascia d’età generale compresa tra i 25 e i 35 anni. Abbastanza grande per avere l’esperienza necessaria, ma non così “vecchio” d’età.

Entra in qualsiasi cocktail bar, e capirete cosa intendiamo. L’industria delle bevande è composta da giovani. Ma cosa succede quando i candidati per un lavoro qualificato cadono al di fuori di questo profilo d’oro? Siamo così innamorati dell’estetica che stiamo chiudendo le porte al vero talento? In altre parole: l’industria del consumo degli alcolici ha un problema con la discriminazione basata sull’età?

Non è raro vedere persone assunte esclusivamente per il loro aspetto fisico o età anagrafica. Se chiedi spiegazioni al responsabile di solito senti un commento del tipo ” non sono adatti per questo lavoro ma… “, ma non è difficile leggere tra le righe

Molte persone lamentano il fatto di essere snobbati per lavori per i quali sono qualificati. Alcuni non includono più età nel CV o nei moduli di domanda per paura di non essere richiamati. Altri dopo una certa età, iniziano a mentire su l’età. E non sono solo le donne a sentirsi vittime di discriminazione per età.

Oggi ci sono così tanti ristoranti e bar che a malapena abbiamo abbastanza umani qualificati per impiegarli. Eppure uomini e donne con l’esperienza necessaria, sono trascurati a causa del loro anno di nascita. Oggi puoi gestire un bar a 27 anni. L’industria del turismo ama i giovani perché puoi pagarli meno, facendoli lavorare di più.

Una cosa è certa, però: la discriminazione, in qualsiasi forma, è incompatibile con lo spirito dell’ospitalità. Se la storia recente è indicativa, quello che potrebbe essere stato una volta un piccolo sporco segreto del settore industriale può rapidamente trasformarsi in un riflettore lampante che i consumatori non possono facilmente ignorare.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By