Categories: La professione

Barman – lavorare in ruoli diversi

Con tutta l'attenzione rivolta al costo della manodopera, alcuni programmi di formazione per bar concentrano i loro sforzi dietro il…

Gennaio 3, 2019 11:49 pm
Barman – lavorare in ruoli diversi

Con tutta l’attenzione rivolta al costo della manodopera, alcuni programmi di formazione per bar concentrano i loro sforzi dietro il bar.
Ma la formazione incrociata in altri ruoli può aiutare con la flessibilità, livello di servizio e fornire resilienza contro il turnover dei dipendenti.

L’esperienza e la conoscenza del barman può essere trasferita ad un tavolo per prendere un’ordine. I benefici sono immediatamente evidenti. L’allenamento incrociato offre flessibilità nella programmazione e facilita il gioco di ruoli quando qualcuno è in viaggio, malato o fuori per un’emergenza familiare.

Offre una pausa fisicamente gradita e un’opportunità per interagire e costruire il cameratismo con gli altri membri dello staff. Gli ospiti beneficiano delle conoscenze del barman direttamente al tavolo.

Essere inchiodato dietro al bar non consente di capire a 360° le problematiche che possono incontrare i colleghi oppure se i clienti sono felici o aspettano troppo.

In special modo per gli aspiranti barman, i quali possono entrare in azione lavorando come barback o camerieri. Per il personale che ha aspettative chiare è un’opportunità per imparare dalle basi per una carriera veramente di successo.

Non sorprende che i barman siano riluttanti a lavorare in ruoli diversi, bisogna tuttavia spiegare loro che per avere una visione completa è necessario allontanarsi dalla propria posizione di confort. Anche se hai 20 anni d’esperienza e lavori da 10 nello stesso posto è assolutamente necessario (ogni tanto) vedere il tuo bar cambiando prospettive e angolazioni.

In definitiva, l’allenamento incrociato offre ai barman l’opportunità di pensare oltre la loro posizione. Aiuta a garantire un servizio di qualità e coerenza, migliora il lavoro di squadra, fornisce percorsi per la crescita e può aiutare un pò con “ego nel bartending”.

Andrea marangio

Bar Manager & mixologist – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By