Categories: Cocktails Classici

Barney Barnato cocktail storia e ricetta

Dal libro: The Savoy Cocktail Book del 1930 di Harry Craddock, richiede un vino aromatizzato sudafricano chiamato Caperitif, di cui…

Febbraio 17, 2020 4:06 pm
Dal libro: The Savoy Cocktail Book del 1930 di Harry Craddock, richiede un vino aromatizzato sudafricano chiamato Caperitif, di cui abbiamo parlato in questo articolo.
Questo cocktail prende il nome da Barney Barnato, che nacque Barnett Issacs nel 1852 nella baraccopoli di Whitechapel a Londra. Nel 1873 Barney fuggì dalla povertà per unirsi a suo fratello nella corsa sudafricana per i diamanti. Ha fondato la Barnato Diamond Mining Company e in dieci anni è diventato milionario. Alla fine, lui e suo fratello furono costretti a vendere a Cecil John Rhodes per oltre 5 milioni di dollari, quindi il singolo assegno più grande che fosse stato scritto (1885). La fortuna fu una piccola compensazione per essere stato battuto nella battaglia per controllare le miniere di diamanti del Capo.
Dopo un breve periodo nella politica sudafricana, Barnato morì nel 1897 quando si perse in mare vicino all’isola di Madeira, mentre era in viaggio verso l’Inghilterra. È ancora in dubbio se sia saltato, caduto o sia stato spinto. Il suo corpo fu recuperato ma le misteriose circostanze della sua morte non furono mai risolte. È sepolto nel cimitero ebraico di Willesden, a Londra.
La sua vasta fortuna fu divisa tra la sua famiglia, tra cui sua sorella Sarah e suo marito Abraham Rantzen, bisnonni del presentatore televisivo inglese Esther Rantzen. Un altro beneficiario era suo figlio, Woolf Barnato, che usò parte di questa eredità per diventare uno dei cosiddetti piloti Bentley Boys negli anni ’20.

Barney Barnato Cocktail

Servire in coppetta cocktail
3,0 cl Brandy
3,0 cl Caperitif (Lillet Blanc come sostituto)
0.50 cl Orange Curaçao
1 dash Angostura
Stir and stain
Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By