Categories: mixologist in evidenza

Birra e cocktail, la nuova vita di “Johnny B.” a Firenze

Dalla bruschetta ai burger e alla pinsa romana, ma soprattutto alle birre artigianali e ai cocktail. Più semplicemente, da "Johnny…

Ottobre 17, 2019 8:09 am

Dalla bruschetta ai burger e alla pinsa romana, ma soprattutto alle birre artigianali e ai cocktail. Più semplicemente, da “Johnny Bruschetta” a “Johnny B.”. Il locale un po’ hipster di Daniele Martini diventa rock e si rinnova totalmente, abbracciando orizzonti gastronomici e alcolici molto più ampi.

Insieme alla bruschetta, non del tutto abbandonata per non snaturare un ristorante che negli ultimi anni è riuscito a fare breccia nel cuore di tanti fiorentini così come di migliaia di turisti, e a un’accuratissima selezione di burger, la birra è senza alcun dubbio il pezzo forte racchiuso nella “B” che dà il là alla seconda vita di uno dei fiori all’occhiello di Via de’ Macci a Firenze. Rivoluzionato il bancone, dunque, arredamento ispirato al luppolo e grande attenzione anche al mondo della mixology. Sempre in chiave birra, grazie all’arrivo di una figura giovane ma di grande proiezione e talento quale Gianmarco Grassini, ex Ditta Artigianale e nuovo Barman di “Johnny B.”.

Toccherà proprio a lui il compito di mixare le due tendenze del momento, birra e cocktail, a suon di shaker e strainer. Le premesse, come appurato alla serata dedicata alla stampa alla quale ha potuto partecipare BarmanItalia.it degustando la nuova offerta food & beverage del locale, sono sicuramente interessanti visto che nella nuova drink list figurano diverse proposte della birra in miscelazione. Come, per esempio, nello “Stop! E ora Weiss”, cocktail fresco e agrumato a base di gin con succo di limone e birra weiss, o il “Negroni Gran Riserva”, un interessante twist sul Negroni volto a celebrarne il centenario, preparato con Campari, vermut rosso e Birra Peroni Gran Riserva.

“Non rinnego quanto fatto finora con Johnny Bruschetta – spiega Daniele Martini a margine dell’evento – ma ho scelto di allargare l’offerta al mondo della birra, dei burger e della pinsa, mantenendo sempre alta l’asticella della qualità sia nelle materie prime che negli accostamenti”. Un primo spoiler, questo, sul wind of change che ha iniziato a soffiare in Via de’ Macci. A suon di rock n’roll, come suggerisce l’assonanza con la celebre canzone di Chuck Berry, “Johnny B. Goode” (da leggersi più prosaicamente “gode” in fiorentino), e birre artigianali, alla spina o all’interno di cocktail fuori dagli schemi.

Giacomo Iacobellis

Sognatore giornalista, giornalista sognatore classe 1990. Scrivere e viaggiare sono le mie più grandi passioni, mangiare e bere bene i miei più grandi diletti. Giornalista pubblicista dal 2014, sempre a caccia di notizie e, soprattutto, di spunti capaci di ispirare la mia insaziabile vena creativa

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By