Categories: Miscelazione

Bitters e soda combinazioni

I bitters sono diventati uno degli ingredienti cocktail più onnipresenti del mondo, ma tracciano la loro storia indietro di qualche…

Maggio 30, 2018 11:46 pm

I bitters sono diventati uno degli ingredienti cocktail più onnipresenti del mondo, ma tracciano la loro storia indietro di qualche centinaio di anni e scoprirai che erano tipicamente combinati con la soda come mezzo per facilitare la digestione e curare i disturbi. E anche se i bitters sono ora utilizzati in cocktail di tutti i tipi, quel semplice bitter e soda viene ancora una volta abbracciato dai barman che cercano un gusto complesso con poco alcol. Con così tanti bitters ora in circolazione, le combinazioni sono apparentemente infinite, ma qui ci sono alcuni dei nostri match preferiti.

Club Soda + Angostura
I bitters aromatici, facilmente identificati dall’iconica etichetta sovradimensionata, furono creati per la prima volta nel 1824 da un Dr. Johann Siegert come mezzo per combattere i dolori di stomaco in Venezuela. Ora, gli amari sono ovunque. Club soda è la tela perfetta per accentuare i sapori robusti e speziati di Angostura. Perfetto per gli appassionati di bevande scure e mescolate come Old Fashioned e Manhattan.

Lemon-Lime Soda + Angostura
Saporito, speziato e rinfrescante, questa bevanda è molto apprezzata non solo in Australia, dove le versioni in bottiglia o in lattina sono ampiamente consumate, ma anche a Trinidad, dove Angostura offre la sua versione in lattina.

Acqua tonica + Celery Bitters
Le prime registrazioni dei bitters di sedano risalgono al 19° secolo, e poiché The Bitter Truth ha reintrodotto l’ingrediente vegetale come parte del loro portfolio, il sapore ha trovato un’adorazione diffusa per la sua capacità di aggiungere una nota salata a bevande come Bloody Mary e Martini. Puoi trovare i Celery Bitters di molte altre aziende, ma quello di Bitter Truth, con aromi di foglia di sedano, tè Sencha, citronella e coriandolo, funziona particolarmente bene con lo schiocco di chinino trovato nell’acqua tonica.

Grapefruit Soda + Orange Bitters
Insieme ad Angostura e Peychaud, i orange bitters sono ampiamente utilizzati nei cocktail, poiché aggiungono un tocco equilibrante di personalità agrumata alle bevande. Può sembrare troppo semplice, ma gli amari all’arancia si abbinano magnificamente con la soda al pompelmo per una doppia dose di sapore di agrumi.

Ginger Ale + Whiskey Barrel-Aged Bitters
Il whisky e lo zenzero sono sempre stati ottimi compagni di gusto, quindi non è una sorpresa che i sapori di quercia e cannella di Fee Bros Whisky Barrel-Aged Bitters siano un abbinamento naturale per ginger ale e ginger beer.

Coca Cola + Mole Bitters
Xocolatl Mole Bitter di Bittermens è stato un successo da quando è stato lanciato nel 2007. Normalmente abbinato a cocktail fatti con liquori più scuri come il rum invecchiato e il bourbon, questa miscela di cacao, cannella e altre spezie aiuta anche a contrastare la dolcezza della Coca Cola.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By