Bobby Burns

Bobby Burns

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1961

Bobby Burns

1/2 Scotch Whisky
1/2 Vermouth Rosso
3 gocce di Benedictine
Si prepara nel mixing-glass.
Versato nel bicchiere a cocktail, spruzzare una buccia di limone.
Coppetta da Cocktail.

Storia
Il cocktail Bobby Burns è stato originariamente realizzato per commemorare Robert Burns (1759-1796): poeta, cantastorie e figlio prediletto della Scozia, ma secondo Crockett in The Old Waldorf-Astoria Bar Book potrebbe essere stato il nome di un venditore di sigari che era un cliente regolare del bar.
Come molti cocktail classici ci sono numerose versioni per il Bobby Burns, tutti usano una base di whisky scozzese con generosa dose di vermouth dolce ma ciascuno chiede un diverso liquore o modifica.

La ricetta originale (Harry Craddock, prevede parti uguali whisky e vermouth e 3 gocce di Bénédictine, la versione che fa dominare il whisky sul vermouth (2:1) è molto più adatta al palato moderno. Versione di David Embury sostituisce la Bénédictine con il Drambuie in gran parte sulla base del fatto che è scozzese.

Bobby Burns (Versione di Craddock)
Bicchiere: Martini
Guarnizione: Lemon twist e biscottino servito a parte
Metodo: Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass con ghiaccio e filtrare in coppetta martini.
4.00 cl Dewar’s 12 Year Old Scotch whisky
2.00 cl Martini Rosso sweet vermouth
0.75 cl Bénédictine D.O.M.
In origine: Ricetta adattata da Harry Craddock The Savoy Cocktail Book, 1930, che prevede parità di vermouth e Scotch con tre dash di Bénédictine.

Bobby Burns (versione di Embury)
Bicchiere: Martini
Decorazione: Lemon twist
Metodo: Mescolare tutti gli ingredienti con ghiaccio e versare nel bicchiere da cocktail freddo
4.00 cl Dewar’s 12 Year Old Scotch whisky
2.00 cl Martini Rosso sweet vermouth
0.75 cl Drambuie
2 dash Peychaud bitter
Sembra avere un pò più di senso con un liquore a base di Scotch e anche se questa versione del Bobby Burns si vede raramente, è degna di nota.
Ricetta adattata da David A. Embury’s Fine Art of Mixing Drinks 1953, in cui si scrive di questa bevanda, “Peychaud, sembra in qualche modo di fondere meglio dell’Angostura con lo scotch benedettina è talvolta usato al posto di Drambuie Tuttavia, il.. Drambuie è preferibile perché è fatto con una base di whisky scozzese. “

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags Bénédictine D.O.M. ricetta Storia del Bobby Burns

Recent Posts

  • Interviste

Intervista ad Alessandro Antonelli – dell’A.Roma Lifestyle Hotel di Roma e del suo Skystars bar.

Ciao Alessandro, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come ti sei avvicinato al mondo dei…

Maggio 21, 2019 11:47 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: B’Art

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 20, 2019 11:24 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Caffè Grimaldi

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership conTuscan Spirits. Noi di…

Maggio 20, 2019 11:13 pm
  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am

This website uses cookies.