Categories: Merceologia

Bourbon

Ci sono alcuni fraintendimenti comuni su cosa sia esattamente il bourbon e come sia fatto. Il Bourbon è una categoria…

Febbraio 7, 2018 1:20 pm
Ci sono alcuni fraintendimenti comuni su cosa sia esattamente il bourbon e come sia fatto. Il Bourbon è una categoria specifica di whisky americano e per essere etichettato come “bourbon”, deve essere prodotto secondo un rigido insieme di regole. Il seguente ‘ABC’ è un utile promemoria di questi criteri specifici.

1) americano: deve essere prodotto negli Stati Uniti (non solo nel Kentucky).
2) Botti: deve essere invecchiato in botti di rovere nuove di zecca al 62,5% alc./vol. o meno.
3) mais: deve avere una mash composta da almeno il 51% di mais (ma non più del 79%) più un grano aromatizzante – o grano o segale – e un pò di orzo maltato (anche se non ci sono regole che regolano le quantità di questi altri cereali
4) distillazione: deve essere distillata con una concentrazione non superiore all’80% alc./vol. La maggior parte del bourbon viene distillata tra il 62,5% e il 70% di alc./vol.
5) Imbottigliamento: deve essere imbottigliato almeno al 40% alc./vol.
6) Genuine: non deve contenere aromi artificiali, colori o altri alcoli.

Sorprendentemente, non c’è un requisito minimo di età per bourbon. Tuttavia, il whiskey “straight” degli Stati Uniti (che si tratti di “whisky di bourbon straight”, “whisky di segale straight”, “whisky di mais straight” o “whisky del Tennessee”) deve essere invecchiato per almeno due anni in botti di rovere nuove e carbonizzate. Ogni whisky che è stato invecchiato per meno di quattro anni deve indicare la sua età sull’etichetta. Si consiglia di evitare in genere whisky da due a quattro anni.
Nessuna colorazione o aroma può essere aggiunta al whisky “puro”, tuttavia, il bourbon etichettato come “blend” o “blended” può contenere coloranti aggiunti, aromi e altri alcolici, in genere spiriti neutri a grana non invecchiata. Tuttavia, almeno il 51 percento di tale prodotto deve essere costituito da bourbon straight.
Contrariamente alla credenza popolare, Bourbon può essere fabbricato ovunque negli Stati Uniti, ma è originario del Sud. In modo particolare, solo il Kentucky Bourbon può pubblicizzare lo stato in cui è stato creato, ad esempio, non ci sono i Tennessee Bourbons. La ragione di ciò è molto politica: il Kentucky aveva più senatori dei suoi vicini e sfruttava palesemente il proprio potere di voto per ottenere questo risultato preferenziale.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.