Categories: Merceologia

Canadian whisky

Il Canadian whisky è da decenni il whiskey più venduto negli Stati Uniti e tende ad essere leggero nello stile.…

Febbraio 7, 2018 2:16 pm

Il Canadian whisky è da decenni il whiskey più venduto negli Stati Uniti e tende ad essere leggero nello stile.

Nel 1875, il regolamento del governo stabiliva che il whisky canadese doveva essere prodotto con cereali in Canada, usando la distillazione continua. Le regole stabiliscono inoltre che il whisky canadese deve avere un’età minima di tre anni e un massimo di 18 anni in botti di rovere carbonizzato.
È prodotto da una vasta gamma di cereali: il mais è di gran lunga il più abbondante, mentre la segale contribuisce maggiormente al sapore.

Storia del whisky canadese
John Molson, anche se meglio noto per la produzione di birra, èThe Word of the Month: ‘Gap’ (January 2018), by Gymglish accreditato con la prima introduzione di whiskey in Canada nel 1799. Il suo esempio fu seguito da emigranti scozzesi che trovarono la loro nuova casa con grano abbondante e poco costoso. La produzione di whisky è iniziata a Kingston, sul lago Ontario, e si è diffusa con lo sviluppo dell’agricoltura. Tuttavia, l’orzo non era comune, quindi hanno ridotto la quantità di orzo e aggiunto mais, grano e segale. La prima distilleria legale del Canada fu fondata nel 1832.

Come è fatto il whisky canadese
Il Blending è la chiave del whisky canadese. È prodotto da una vasta gamma di cereali: il mais è di gran lunga il più importante, mentre la segale contribuisce maggiormente al sapore. Di norma, più spezie senti in un whisky canadese, più la segale è nella sua miscela. Il mash (o mix di cereali) dipende dalla marca in cui un whisky finirà per farne parte (questi bollini sono strettamente segreti
commerciali).

La lunghezza della distillazione e il tipo di distillazione continua still utilizzata varia anche in base alle esigenze di stile di ogni particolare marchio. Allo stesso modo, il tipo di barile utilizzato per l’invecchiamento varia notevolmente – dalle nuove botti carbonizzate a quelle precedentemente utilizzate per l’invecchiamento di bourbon, sherry, porto, rum o whisky.

Il whisky canadese viene solitamente invecchiato, miscelato e quindi invecchiato per un ulteriore periodo dopo la miscelazione. Mentre in altri paesi i whisky vengono spesso lasciati a “sposarsi” per un periodo in botti dopo la miscelazione, è raro che il periodo di maturazione principale avvenga dopo la miscelazione. La miriade di opzioni disponibili in termini di ingredienti di base, periodo di invecchiamento, botti e tempi di miscelazione, conferiscono al whisky canadese uno stile unico.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

White Negroni

White Negroni Serve in old fashioned Ingredienti e quantità: 3 cl Gin 3 cl…

By

Negroni- 100 anni di vita del dell’iconico cocktail

La Negroni Week 2019 si svolgerà dal 24 al 30 giugno 2019 e celebra…

By

La vita dei Barman a fumetti: Il Moscow Mule

Ci sono situazioni in cui ogni barman si è trovato,  tra clienti esigenti o…

By

La cocktail list del Fusion Bar by Sacha Mecocci

Una vita dietro al bancone da bar, ma ancora tanta, tantissima voglia di stupire,…

By

Beluga Noble Russian Vodka

Miscela di cereali coltivati ​​nelle pianure della Siberia, con acqua purificata in argento, il…

By

Tre domande a Antonio De Meo

Intervista esclusiva per BarmanItalia ad Antonio De Meo, barmanager del ristorante Liòn di Roma
…

By