Categories: Merceologia

Caperitif

La storia è varia e ricca. Mescola cercatori d'oro e cacciatori di diamanti, un pò di sfruttamento e molta disuguaglianza…

Aprile 25, 2019 10:07 pm

La storia è varia e ricca. Mescola cercatori d’oro e cacciatori di diamanti, un pò di sfruttamento e molta disuguaglianza razziale. Il Sudafrica è un crogiolo di diversità e potenziale. Nella prima parte del secolo scorso i cercatori di tutto il mondo si diressero verso la punta più meridionale del continente africano. Erano alla ricerca di oro e pietre preziose, i soldi erano veloci e il ritmo era veloce. Al di fuori di questo si è alzata una scena di festa succulenta piena di cocktail e balli. Ha anche dato vita a un liquido dorato, ispirato ai vermouth europei ma creato con un sapore unico sudafricano – Caperitif (Cape Aperitif).

La geografia è un ingrediente importante ma spesso dimenticato. Alla punta meridionale di un vasto continente chiamato Africa si trova il Sudafrica. Istituito a metà strada per gli europei in viaggio verso l’India nel 1652, il clima mediterraneo e i ricchi terreni contribuirono presto a nutrire e nutrire marinai e (nuovi) locali.
Con il buon terreno e il clima ideale provengono diverse varietà di flora e fauna. Il regno floreale del Capo, che cresce lungo un tratto costiero di circa 150 miglia, è il più piccolo e ricco dei sei regni floreali del mondo e vanta la più alta quantità di varietà e piante endemiche presenti in tutto il pianeta.

Molte di queste piante non si trovano da nessun’altra parte e abbondanti quantità di esse hanno sapori unici e aromi intriganti. I sudafricani chiamiamo questo “Fynbos”. E gioca un ruolo importante nel vermouth, formando la base e il sapore unico di “Cape”.

Per decenni questo straordinario aperitivo è stato diffuso in tutto il mondo e si è fatto strada in molte ricette di cocktail in numerosi famosi libri di cocktail. E poi, intorno al 1910, la società che lo ha fatto scomparire, e con essa il prodotto e le ricette.
A Londra, al momento del proibizionismo, il Savoy Hotel, ha iniziato a servire il vermouth Caperitif nel suo leggendario American Bar come ingrediente critico in molti cocktail ispirati al Sud Africa. Ben presto fu una caratteristica della bibbia del barman – il Savoy Cocktail Book – e personaggi del calibro di Jan Smuts, Barney Barnato e Cecil J. Rhodes furono tra quelli ulteriormente immortalati.

Negli anni ’40 torniamo in Sud Africa dove altre questioni hanno iniziato a prendere il centro della scena e la produzione di vermouth è stata inondata da un’ondata di birra. La produzione di vermouth alla fine cessò negli anni ’60.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.