Categories: Merceologia

Caperitif

La storia è varia e ricca. Mescola cercatori d'oro e cacciatori di diamanti, un pò di sfruttamento e molta disuguaglianza…

Aprile 25, 2019 10:07 pm

La storia è varia e ricca. Mescola cercatori d’oro e cacciatori di diamanti, un pò di sfruttamento e molta disuguaglianza razziale. Il Sudafrica è un crogiolo di diversità e potenziale. Nella prima parte del secolo scorso i cercatori di tutto il mondo si diressero verso la punta più meridionale del continente africano. Erano alla ricerca di oro e pietre preziose, i soldi erano veloci e il ritmo era veloce. Al di fuori di questo si è alzata una scena di festa succulenta piena di cocktail e balli. Ha anche dato vita a un liquido dorato, ispirato ai vermouth europei ma creato con un sapore unico sudafricano – Caperitif (Cape Aperitif).

La geografia è un ingrediente importante ma spesso dimenticato. Alla punta meridionale di un vasto continente chiamato Africa si trova il Sudafrica. Istituito a metà strada per gli europei in viaggio verso l’India nel 1652, il clima mediterraneo e i ricchi terreni contribuirono presto a nutrire e nutrire marinai e (nuovi) locali.
Con il buon terreno e il clima ideale provengono diverse varietà di flora e fauna. Il regno floreale del Capo, che cresce lungo un tratto costiero di circa 150 miglia, è il più piccolo e ricco dei sei regni floreali del mondo e vanta la più alta quantità di varietà e piante endemiche presenti in tutto il pianeta.

Molte di queste piante non si trovano da nessun’altra parte e abbondanti quantità di esse hanno sapori unici e aromi intriganti. I sudafricani chiamiamo questo “Fynbos”. E gioca un ruolo importante nel vermouth, formando la base e il sapore unico di “Cape”.

Per decenni questo straordinario aperitivo è stato diffuso in tutto il mondo e si è fatto strada in molte ricette di cocktail in numerosi famosi libri di cocktail. E poi, intorno al 1910, la società che lo ha fatto scomparire, e con essa il prodotto e le ricette.
A Londra, al momento del proibizionismo, il Savoy Hotel, ha iniziato a servire il vermouth Caperitif nel suo leggendario American Bar come ingrediente critico in molti cocktail ispirati al Sud Africa. Ben presto fu una caratteristica della bibbia del barman – il Savoy Cocktail Book – e personaggi del calibro di Jan Smuts, Barney Barnato e Cecil J. Rhodes furono tra quelli ulteriormente immortalati.

Negli anni ’40 torniamo in Sud Africa dove altre questioni hanno iniziato a prendere il centro della scena e la produzione di vermouth è stata inondata da un’ondata di birra. La produzione di vermouth alla fine cessò negli anni ’60.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storie di grandi barman: William Schmidt

William Schmidt è un caso speciale a differenza della maggior parte dei suoi colleghi,…

By

Succo di lime appena spremuto? Meglio di no

  Il comune denominatore della maggior parte dei cocktail moderni è l'uso del succo…

By

Come fare il cordial lime e non sprecare succo di lime

Vogliamo tutti usare il succo più fresco possibile per il servizio cocktail e ci…

By

L’acqua e il whisky

Se assaggiamo l'acqua delle Highlands, Speyside e Islay, non dobbiamo essere un sommelier professionista…

By

I cinque volti di Femmes

GIULIA CASTELLUCCI CO.SO cocktail & social, Roma Giulia, bar manager e comproprietaria di CO.SO…

By

Femmes, la nuova essenza al mandarino di Giardini d’Amore

Liquori, omaggio alle donne, alla loro audacia e ineguagliabile bellezza Milano, 7 dicembre 2019…

By

This website uses cookies.