Categories: Cocktails Classici

Cloister cocktail storia e ricetta originale

La Chartreuse è un ingrediente notoriamente difficile - molto aggressiva a base di erbe, domina qualsiasi cosa si avvicini, è…

Febbraio 10, 2020 11:21 pm

La Chartreuse è un ingrediente notoriamente difficile – molto aggressiva a base di erbe, domina qualsiasi cosa si avvicini, è una bomba aromatica.

Chartreuse è uno dei più antichi dei nostri liquori – i monaci lo hanno prodotto fin dai primi anni del 1700. Si dice che sia composto da 130 erbe medicinali e il suo sapore complesso suggerisce il suo uso originale come tonico. Può essere delizioso in piccole quantità, è un ingrediente misterioso per cocktail.

Spesso pensato come un ingrediente love it or hate it, nel Cloister c’è una posizione intermedia per la Chartreuse – una piccola quantità, usata con parsimonia, che si fonde con gli agrumi e il gin in un delizioso equilibrio:

Cloister la ricetta:

Servire in un bicchiere da cocktail

4,5 cl Bombay Dry
1,5 cl Yellow Chartreuse o 0,75 cl Green Chartreuse
1,5 cl di succo di pompelmo fresco
0,75 cl di succo di limone fresco
0,75 cl sciroppo semplice

Metodo: shake and strain

Garnish: twist di pompelmo

La ricetta canonica specifica la Chartreuse gialla, con la Green, devi assolutamente tagliare la dose originale.

Il Cloister incuriosisce anche per l’inclusione del succo di pompelmo, che, sebbene non sia un ingrediente raro, è tutt’altro che comune. Ci aspettavamo che fosse molto sbilanciato verso il lato aspro, ma risulta essere molto ben bilanciato, con un bouquet inebriante di pompelmo appena tagliato.

Storicamente la bevanda è un po’ un enigma. La ricetta è stata pubblicata per la prima volta nel 1975 sul Playboy’s Host and Bar Book di Thomas Mario. Non ci sono riferimenti riguardo al creatore del cocktail.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By