Categories: In evidenza

Coca-Cola premia il miglior CokeTails 2018

The Quest for the Best Coca-Cola premia il miglior CokeTails 2018 I migliori bartender e cocktail bar italiani si sono sfidati…

14 Febbraio, 2019 3:14 pm

The Quest for the Best Coca-Cola premia il miglior CokeTails 2018

I migliori bartender e cocktail bar italiani si sono sfidati con ricette inedite per rompere le regole della premium mixability

Milano, 14 Febbraio 2019 – Da sempre Coca-Cola fa parte dei momenti speciali della vita di ognuno di noi, con il suo gusto inimitabile dal 1886. Bevuta liscia, con l’aggiunta di ghiaccio o mixata sapientemente in cocktail alcolici o analcolici: quando la serata è con Coca-Cola, tutto può accadere. Il solo piacere di bere una Coca-Cola rende il momento speciale.

Per questo, all’inizio dello scorso anno ha lanciato Coca-Cola CokeTails 2018, un format interamente dedicato ai migliori bartender e cocktail bar italiani che conferma il ruolo di Coca-Cola nell’ambito della premium mixability.

Attraverso una piattaforma dedicata, i partecipanti hanno potuto mettersi a confronto con la propria inventiva e il loro talento nella realizzazione di nuovi “CokeTails”, ricette inedite in cui Coca-Cola Original Taste e Coca-Cola Zero Zuccheri diventano l’ingrediente principale di un mix unico ed equilibrato, ma al tempo stesso inusuale e inaspettato.

Testimonial e primo promotore del progetto con quattro CokeTails esclusivi, il barman di fama internazionale Dushan Zaric dello speakeasy bar “Employees Only”.

Lunedì sera presso le Officine del Volo a Milano davanti a oltre 200 ospiti si è tenuto l’esclusivo evento dedicato alla scelta del Best Coca-Cola Coketail 2018: una finale live tra i 10 migliori
cocktail del contest, 5 per ciascuna delle categorie Unexpected Classic e Breaking the Rules.
Il premio per il Best CokeTail 2018 è andato a Sembra Cola ma non è di Mattia Lissoni, bartender e proprietario del Pinch di Milano.

A decretare il vincitore i tre giurati Andrea Delogu, speaker radiofonica noto volto del web e della tv che ha anche condotto la serata, Dushan Zaric e Viviana Manera, Marketing Manager Coca-Cola Italia.

La ricetta:

Sembra Cola ma non è

Ingredienti:

45ml Rum Agricolo infuso alla Fava Tonka
15ml Fernet Branca
15ml Liquirizia Calabra
30ml Sciroppo di Earl Gray (1:2)
Top Coca-Cola Original Taste

Metodo: shaker

Bicchiere: servire in bottiglia di Coca Cola

Bartender: Mattia Lissoni

Locale: PINCH – MILANO

Il Pinch nasce quattro anni fa e fin da subito l’idea è stata quella di non essere un punto d’arrivo ma di partenza. Ad oggi, è il fratello maggiore di altre due attività. Con il suo ambiente caldo e conviviale è una perfetta seconda casa sia nelle torride estati che nei lunghi inverni milanesi. Ogni tre mesi un nuovo menù con dodici signature creati dal proprietario e Head Bartender Mattia Lissoni e dal suo staff. Il concetto di mixology è basato su un enorme lavoro a porte chiuse, sia di ricerca che di preparazione, per poter offrire al cliente un approccio facile e divertente che non intimorisca ma coinvolga.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Come funziona: Pot Still o Alambicco Discontinuo

Nonostante la proliferazione di smartphone, l'ingegneria genetica e la messa nello spazio delle persone,…

By

La disputa sul marchio: Bacardi VS. Havana Club

Nel 1993, Fidel Castro ha fatto un brindisi: "Lunga vita all'alleanza con i lavoratori…

By

Guida essenziale dei Ron cubani

  C'è un pizzico di mitologia riguardo al rum (Ron) cubano: una speciale indennità…

By

La storia e produzione del rum delle Barbados

Il carattere essenziale degli attuali rum delle Barbados è spesso descritto come ben equilibrato…

By

Bar_To_Be Mediterranean Bar & Beverage Catania, 11/12 Maggio 2020

Si terrà a Catania, 11 e 12 maggio 2020, presso il Centro fieristico Le…

By

La storia e produzione del rum Martinique

Sia il cotone che il tabacco furono coltivati ​​in Martinica prima che la canna…

By

This website uses cookies.