Categories: Prodotti

Cocchi Vermouth di Torino

Giulio Cocchi fondò la sua attività nella città di Asti, nel nord-ovest dell'Italia, nel 1891 quando, da giovane pasticciere, rimase…

Giugno 10, 2018 10:38 pm

Giulio Cocchi fondò la sua attività nella città di Asti, nel nord-ovest dell’Italia, nel 1891 quando, da giovane pasticciere, rimase affascinato dall’abbinamento tra cibo e vino. Giulio iniziò a produrre vini-infusi di qualità e alla fine del secolo, due in particolare; Barolo Chinato e Aperitivo Americano erano diventati molto popolari nei mercati internazionali.

Giulio Cocchi Spumanti è ora di proprietà della famiglia Bava, essi stessi rinomati produttori di vino. Oggi la cantina mantiene ancora il suo carattere artigianale utilizzando solo tecniche tradizionali per creare gli spiriti distintivi che hanno reso il nome Cocchi sinonimo di stile e qualità.

Il Vermouth di Torino è un patrimonio collettivo del Piemonte, a partire dalla fine del XVIII secolo nella corte reale di Savoia e si estende ai quattro angoli del mondo nel XX secolo.

In occasione del 120° anniversario dalla fondazione, Storico Vermouth di Torino viene nuovamente prodotto secondo la ricetta originale di Giulio Cocchi. Questo vermouth appartiene alla categoria dei vermouth dolci, prodotti utilizzando come base il buon vino Moscato, che viene poi infuso con una ricetta segreta di botanici locali ed esotici.

Storico Vermouth di Torino Cocchi è stato il protagonista della recente rinascita di questi vermouth di alta gamma. Grandi barman da tutto il mondo hanno acquisito familiarità con questo prodotto, tanto che spesso viene abbreviato “Cocchi Torino”.

Delizioso e ordinato con ghiaccio con scorza di limone, è un ingrediente essenziale per la creazione dei cocktail più classici, da Negroni a Manhattan.

Note di degustazione

NASO
Arance, scorza candita, vaniglia e dente di leone tinto di mentolo e bardana, sostenute da frutti di bosco ricchi, amarene e sfumature di delicati petali di rosa.

PALATO
Pieno al gusto e denso al palato – perfettamente equilibrato, agrodolce e pieno di bolle d’aria. Note fruttate di ciliegia e mentolo si mescolano con lamponi stufati, scorza d’arancia, liquirizia terrosa e sottile sapidità erbacea – tocchi di dragoncello e foglie amare.

FINIRE
Audace, lungo e ben bilanciato, con note di frutta e di erbe che si integrano e si mescolano.

COMMENTO
Incredibilmente complesso e un taglio evidente sopra la maggior parte dei vermouth. Ha il classico carattere agrodolce dello stile, ma arricchito da strati di complessità fruttata e amaro a base di erbe. Un aperitivo ricco e pieno, e un ingrediente nei cocktail che rende nota la sua presenza.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.