Categories: mixologist in evidenza

Cocktail competitions con Bernardo Ferro organizzatore Skyway

Parleremo di cocktail competitions con Bernardo Ferro Consulente nazionale ABI professional, Organizzatore di molte competitions tra cui la più alta…

Maggio 21, 2020 7:51 am

Parleremo di cocktail competitions con Bernardo Ferro Consulente nazionale ABI professional, Organizzatore di molte competitions tra cui la più alta d’Europa la skyway cocktail competition. Quella che si fa sul monte Bianco !

Ciao Bernardo, brevemente la tua carriera fino ad oggi.

Buongiorno a tutti sono Bernardo Ferro nato ad Aosta 48 anni fa. Una carriera nata quasi per gioco. Iniziai a lavorare nel pub di un mio caro amico perchè, all’epoca mi piaceva l’arrampicata sportiva e ebbi un incidente con questa ragazza, che gestiva appunto(con il fidanzato il pub) All’epoca la stagione estiva in montagna era interessante e allora gli diedi una mano, era il 1987.. Tornai a scuola ma la pigrizia e la “poca testa” di allora mi fece abbandonare la scuola, ripresa in un secondo tempo e iniziai a lavorare in bar, in Courmayeur, di caratura superiore. Negli anni seguenti varie tipologie di bar, discoteche e cocktail bar mi videro all’opera.
Finito il militare iniziai le stagioni al mare in Toscana, Castiglioncello prima (al mitico Ciucheba, ed in seguito Isola d’Elba, lavorando a fianco di professionisti (Paolo Stoppa su tutti) nei migliori Hotel dell’Isola , poi presi in mano i bar dell’Hotel del Golfo. Dopo 21 estati ho deciso di rimanere a casa mia, a Courmayeur, in accordo con mia moglie (perchè nel frattempo diventammo genitori) e presi il comando del bar del famoso Grand Hotel Royal e Golf, Attualmente sono il Bar manager dell Hotel Le Massif di Courmayeur (leading Hotel of the world). Faccio parte di un’associazione di barmen denominata ABI Professional , nata dopo la scissione con Aibes, e ricopro la carica di Consigliere Nazionale

Quale è la tua filosofia di bar?

Diciamo che la mia filosofia di bar è un bar classico dove non si disdegna un’influenza leggera della miscelazione moderna. Il mio credo, che cerco di trasmettere ai mie colleghi è il seguente L’OSPITE È SACRO ED È L’ATTORE PRINCIPALE, non il barman

Cosa è cambiato negli ultimi 20 anni nei concorsi per barman, aspetti positivi e negativi?

Guarda ricordo dei concorsi dove l’obiettivo era concentrarsi per fare un buon cocktail, anche ora, ma lavorando di classe, ora vedo tanto show con un risultato che passa spesso in secondo piano. Non concepisco questi concorsi online dove il giudizio si basa sui LIKE

Ci parli della competition di ABI professional, visto che sappiamo che sei l’organizzatore?

MA sai i nostri concorsi si basano su criteri che esistono da sempre, Quindi l’aspetto visivo (incluso la decorazione), l’aspetto Olfattivo (aroma), e l’Aspetto gustativo (gusto). oltre alla tecnica di lavoro (intendo classe e eleganza) a cui abbiamo aggiunto, facoltativo, il food pairing, dove il concorrente prepara in office un amouse bouche da abbinare al Drink.
Quello che abbiamo introdotto nei nostri concorsi è l’ETICHETTA DEL COCKTAIL. Tutti i concorrenti devono calcolare il Volume alcolico, i grammi di alcol le kilocalorie del drink che propongono, oltre all’aspetto visivo e olfattivo..
Si organizzo dei Concorsi, Patrocinati ABI, tra i più importanti cito SKYWAY COCKTAIL COMPETITION, dove il soggetto principale nella creazione dei cocktail è il liquore GENEPY, e L’ELBA DRINK dove il fancy cocktail proposto NON DEVE superare i 12* di Volume alcolico, perchè il focus è il BERE CONSAPEVOLE.

Quali sono i criteri di giudizio in ABI?

Come detto nella risposta precedente sono
La TECNICA: La classe e l’eleganza del concorrente,
Il COCKTAIL valutando l’ASPETTO VISIVO, OLFATTIVO e GUSTATIVO
FOOD PAIRING (facoltativo): il giusto abbinamento drink – food

Quando organizzi un concorso qual’è il messaggio che vuoi trasmettere a ogni singolo partecipante?

Utilizzo della materia prima di qualità, il KM 0 (il più possibile), e non accetto nei miei concorsi gli HOME MADE (trovo assurdo chiedere sponsorizzazioni ad aziende e permettere che i loro prodotti vengono “modificati” dai Barmen).
Io per primo replico i cocktail vincitori o che mi interessano, questo sarebbe impossibile qualora ci fossero degli Home made. Semplicemente dico lasciamo il prodotto come l’azienda lo ha creato, piuttosto scegliamo i prodotti di QUALITA’.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.