Categories: Miscelazione Preparati e basi

Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Quando si tratta di cocktails pre-batch, una delle considerazioni da fare è se aggiungere o meno acqua al batch. In…

Dicembre 23, 2018 12:07 am
Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Quando si tratta di cocktails pre-batch, una delle considerazioni da fare è se aggiungere o meno acqua al batch. In questo articolo, diamo un’occhiata a come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch.
Aggiungere ghiaccio quando si prepara un cocktail ha un duplice scopo. Portare la bevanda alla giusta temperatura e fornire il giusto equilibrio al cocktail. La diluizione si ottiene agitando o mescolando gli ingredienti con il ghiaccio.

Shaker vs mixing glass

Come regola generale, lo scuotimento è un’attività vigorosa, pertanto una bevanda agitata si raffredda e si diluisce a un ritmo molto più veloce di una bevanda mescolata. Lo shaker arieggia il liquido e aggiunge consistenza al cocktail. Mescolando, è un’attività più delicata, richiede più tempo rispetto a scuotere per ottenere la bevanda alla giusta temperatura e diluizione. Generalmente, una bevanda mescolata come un Martini tende a non essere fredda come un Daiquiri.

Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Probabilmente hai sentito una cifra di circa dal 15 al ​​20% di acqua come quantità di diluizione da aggiungere alle bevande pre-dosate. Quanta acqua si dovrebbe aggiungere ad un cocktail pre-batch dipende da vari fattori come il tipo di bevanda, il ghiaccio e le preferenze personali.

Una tecnica più precisa introdotta da Dave Arnold, autore di Liquid Intelligence, consiste nel calcolare la diluizione per i cocktail pre-dosati pesando la bevanda prima e dopo la diluizione.

Inizia facendo un cocktail, agitato o mescolato. Aggiungi tutti gli ingredienti a un mixing glass o a un shaker e pesali su una bilancia di precisione. Prendi nota del peso. Ora aggiungi del ghiaccio, mescola o agita come faresti normalmente per raffreddare e diluire la bevanda, quindi colare il liquido in qualsiasi bicchiere. Scartare il ghiaccio, versare la bevanda nel bicchiere e pesare di nuovo. La quantità di acqua che devi aggiungere è la differenza tra il peso totale del cocktail e il peso originale prima della diluizione.

Molto simile all’uso del ghiaccio fresco si consiglia l’uso di acqua filtrata poiché non contiene impurità.

Naturalmente, è sempre possibile preparare un pre-batch senza aggiungere acqua, quindi mescolare o agitare con ghiaccio prima di servire la bevanda.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.