Categories: Miscelazione Preparati e basi

Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Quando si tratta di cocktails pre-batch, una delle considerazioni da fare è se aggiungere o meno acqua al batch. In…

Dicembre 23, 2018 12:07 am
Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Quando si tratta di cocktails pre-batch, una delle considerazioni da fare è se aggiungere o meno acqua al batch. In questo articolo, diamo un’occhiata a come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch.
Aggiungere ghiaccio quando si prepara un cocktail ha un duplice scopo. Portare la bevanda alla giusta temperatura e fornire il giusto equilibrio al cocktail. La diluizione si ottiene agitando o mescolando gli ingredienti con il ghiaccio.

Shaker vs mixing glass

Come regola generale, lo scuotimento è un’attività vigorosa, pertanto una bevanda agitata si raffredda e si diluisce a un ritmo molto più veloce di una bevanda mescolata. Lo shaker arieggia il liquido e aggiunge consistenza al cocktail. Mescolando, è un’attività più delicata, richiede più tempo rispetto a scuotere per ottenere la bevanda alla giusta temperatura e diluizione. Generalmente, una bevanda mescolata come un Martini tende a non essere fredda come un Daiquiri.

Come calcolare la diluizione per i cocktail pre-batch

Probabilmente hai sentito una cifra di circa dal 15 al ​​20% di acqua come quantità di diluizione da aggiungere alle bevande pre-dosate. Quanta acqua si dovrebbe aggiungere ad un cocktail pre-batch dipende da vari fattori come il tipo di bevanda, il ghiaccio e le preferenze personali.

Una tecnica più precisa introdotta da Dave Arnold, autore di Liquid Intelligence, consiste nel calcolare la diluizione per i cocktail pre-dosati pesando la bevanda prima e dopo la diluizione.

Inizia facendo un cocktail, agitato o mescolato. Aggiungi tutti gli ingredienti a un mixing glass o a un shaker e pesali su una bilancia di precisione. Prendi nota del peso. Ora aggiungi del ghiaccio, mescola o agita come faresti normalmente per raffreddare e diluire la bevanda, quindi colare il liquido in qualsiasi bicchiere. Scartare il ghiaccio, versare la bevanda nel bicchiere e pesare di nuovo. La quantità di acqua che devi aggiungere è la differenza tra il peso totale del cocktail e il peso originale prima della diluizione.

Molto simile all’uso del ghiaccio fresco si consiglia l’uso di acqua filtrata poiché non contiene impurità.

Naturalmente, è sempre possibile preparare un pre-batch senza aggiungere acqua, quindi mescolare o agitare con ghiaccio prima di servire la bevanda.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By