Categories: Miscelazione

Come dare un nome al tuo cocktail

È la bevanda perfetta. Hai riversato il tuo cuore e la tua anima nella ricetta. Hai fatto una dozzina di…

Giugno 25, 2019 11:05 am

È la bevanda perfetta. Hai riversato il tuo cuore e la tua anima nella ricetta. Hai fatto una dozzina di versioni diverse. Hai infuso, macerato, tritato e armeggiato. Ed è finalmente assolutamente perfetto.
E poi ti rendi conto … ora devi trovare un nome…

Come trovi un nome che racconta la storia del cocktail e che rende giustizia al tuo lavoro? È sicuramente una delle parti più difficili della creazione di un nuovo cocktail.
E mentre questo articolo non ti darà il nome perfetto per il tuo drink, forniremo alcune idee e ispirazioni per le cose a cui pensare la prossima volta che ti ritrovi perplesso nel momento in cui devi scegliere un nome. In bocca al lupo!

The Cocktail Family / Style

La maggior parte delle bevande può essere fatta risalire ad una “famiglia” o ad un archetipo di sorta. Sour, Collins e Martinis. Quindi, fai un passo indietro dalla tua ricetta e guardala dall’alto. Potrebbe essere un Sour, o un Collins?

Gioca con gli ingredienti, i sapori e le emozioni della bevanda per riempire gli spazi vuoti.

________ Whisky Sour (esempi: Timo, Lampone, Cannella?)
________ Margarita (esempi: Menta, Green? Tartufo?)

Finché non puoi raccontare la storia per giustificare il nome, dovrebbe essere in buona forma.

Cosa c’è dentro?

Sono di due modi: da un lato, usare gli ingredienti per nominare un cocktail è molto utile per un ospite. Dice loro esattamente cosa aspettarsi. D’altra parte non è terribilmente ispirante.
Usando alcuni dei nostri esempi sopra, un “Timo Whisky Sour” o un “Mint Margarita” non sono nomi che entusiasmano. Ma un “Sunshine Whisky Sour” o “Mailman’s Margarita” – è ​​un pò più interessante.

Detto questo, puoi diventare un pò più creativo mentre parli ancora di cosa c’è nella bevanda:

Sedano al sole
Mint Mountaintop
Raspberry Rambler

Questo è uno dei percorsi “più sicuri” da seguire, e generalmente anche più facile.

Origine e storia

Un metodo efficace è guardare indietro agli ingredienti e da dove sono venuti. Ad esempio, un cocktail liberamente ispirato a una Caipirinha, ma utilizzando Cognac potrebbe fornire alcuni indizi sul nome. Così cercando l’origine della parola “Caipirinha” abbiamo trovato un equivalente approssimativo in francese. Il risultato? De Clocher

Allora, cosa stai usando nella tua bevanda? Da che paese proviene? Che lingua parlano? Anche qualcosa di semplice come “Ginger Sour” potrebbe sembrare fantastico in un’altra lingua!

Twist on Classic.

Puoi anche utilizzare i nomi di cocktails già divenuti popolari e apportare delle modifiche con prodotti locali o piccole modifiche nella ricetta e poi nominarli di conseguenza.

Altre cose che hanno un collegamento con il tuo cocktails

Musica e film (in particolare giochi di parole o versioni di questi) “Lucy in the Sky with Daikon”.

Persone – sia che si tratti di un lavoro regolare o di una professione, si sarebbe sorpresi di come una persona possa evocare emozioni.

Ricordi e nostalgia. “Triciclo rosso”. “Hot Summer Nights”. “Flanella e cioccolata calda”.

Considerazioni e ispirazione

Mentre continui a cercare il nome giusto per il tuo drink, prendi in considerazione:
Quanto spazio hai nel menu? Mentre “Jenny Lying in a Bamboo Field” potrebbe evocare esattamente le emozioni che stai cercando, se il nome è così lungo non sarà facile da ricordare e nel menù potrebbe non allinearsi bene.

Risorse
Ecco alcuni ottimi strumenti e risorse che abbiamo trovato utili:

Google Translate: ottimo per tradurre nella lingua di una bevanda o l’origine di un ingrediente.

Vuoi un drink che ti faccia sentire rilassato? Cerca sinonimi per “relax” un vocabolario potrebbe esserti utile per giocare con le parole.

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By