Categories: Merceologia

Come è fatto Eau De Vie? La guida

È piacevole da pronunciare quanto da bere, l'eau de vie (francese per "acqua della vita") è un termine usato in…

Febbraio 4, 2020 2:49 pm

È piacevole da pronunciare quanto da bere, l’eau de vie (francese per “acqua della vita”) è un termine usato in francese per indicare “spirito”. Ma si riferisce a grappe prodotte con frutta diversa dall’uva. È uno degli spiriti più sottovalutati, la maggior parte delle persone ne ha provato uno spesso senza rendersene conto. Non tutti i produttori useranno il termine sull’etichetta, tipi comuni di eau-de-vie includono il raki dalla Turchia e lo slivovitz della Serbia, il rumeno țuică, Obstler dalla Germania
Ecco la nostra guida a tutto ciò che devi sapere, incluso cos’è, e come degustarlo.

Come è fatto?

È fatto in modo simile al cognac e ad altri brandy a base di uva. Il metodo varia, ma di solito il frutto viene pressato per estrarne il succo, fermentato con l’aiuto del lievito (che può essere prodotto commercialmente o utilizzando ceppi naturali presenti nel frutto) per creare un liquido alcolico e quindi distillarlo. Le Eau-de-vie di solito non sono invecchiati ma solitamente vengono imbottigliate subito dopo la produzione per preservare aroma e sapore.

Quali produttori dovresti cercare?

Francia, Germania e Austria sono le case spirituali del eau-de-vie, altri paesi hanno ora preso piede, con Jacopo Poli e Capovilla dall’Italia e Capreolus dall’Inghilterra sono solo alcuni dei nostri preferiti.

L’eau de vie è spesso incolore, ma a seconda di altri fattori come la macerazione post-distillazione, a volte assume una leggera sfumatura. Lo spirito che ne risulta è spesso morbido, ma con un aroma e un sapore inconfondibili. Tradizionalmente, viene servito liscio come digestivo dopo cena. Come per il vino, servirlo troppo freddo rimuoverà tutto il sapore, quindi dovrebbe essere messo in frigo per un breve periodo o servito a temperatura ambiente. Alcune gocce d’acqua aiuteranno a far emergere il fruttato – a causa della mancanza di invecchiamento e acidità naturale dei frutti – dell’Eau-de-Vie.
In alternativa, potresti servirlo su un grande cubetto di ghiaccio. Anche se può essere difficile incorporarlo nei cocktail, un buon punto di partenza è l’aggiunta di piccole quantità in classici come una Mimosa o in una flûte di champagne.

Troverai sapori strani e meravigliosi come gli asparagi o l’agrifoglio, ma se sei nuovo nella categoria, consigliamo di iniziare con il tuo frutto preferito.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Gabriele Tammaro ci racconta la sua esperienza al mondiale IBA

Ciao Gabriele, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi? Ho iniziato nel…

By

Dry Martini cocktail? Risponde Lucio D’Orsi del Dry Martini Sorrento

Lucio D’Orsi, classe 1979, è oggi l’anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento. Lo…

By

Intervista a Marco Macelloni del Franklin 33 di Lucca.

Incontriamo Marco comproprietario del Franklin 33 di Lucca, Marco ci parla della sua esperienza…

By

Intervista a Luca Angeli Bar Manager del Four Seasons Milano

Luca Angeli, cosmopolita per lavoro ma molto attaccato alla sua città di origine, Carrara,…

By

Intervista a Carola Abrate bartender a La Drogheria e Work travel

Ciao Carola, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. Ciao Andrea! innanzitutto,…

By

Cosa sono i Tiki? Carriero Elis esperto internazionale risponde

I Tiki in questo momento sono cocktails sulla bocca di tutti i bartender professionisti,…

By

This website uses cookies.