Categories: Miscelazione

Come memorizzare le ricette dei cocktails

È imbarazzante quando un cliente ti chiede un cocktail di base e non sei sicuro di come farlo perché hai…

Giugno 10, 2019 12:19 am

È imbarazzante quando un cliente ti chiede un cocktail di base e non sei sicuro di come farlo perché hai dimenticato la ricetta. Non solo sembra poco professionale, è anche un enorme spreco di tempo.

Invece di essere in grado di preparare rapidamente la bevanda e passare al prossimo cliente, trascorri preziosi minuti infastidendo i tuoi colleghi chiedendo loro come fare, sfogliando un cocktail book o consultando il tuo telefono per ottenere la giusta ricetta.

E quando hai finalmente finito di fare la bevanda, il cliente è chiaramente infastidito dal fatto che ci sia voluto così tanto tempo. Oltre a questo, ci sono altri clienti che aspettano con impazienza di essere serviti. E se uno di loro ordina un altro cocktail che non ricordi, non avrai una buona notte …

Ecco perché è importante memorizzare le ricette dei cocktail.

Perché quando conosci le ricette come il palmo della tua mano, queste cose non succedono. Se un cliente ordina un cocktail, sarai in grado di farlo rapidamente e passare al cliente successivo.

Quindi è quello che faremo oggi. Imparerai a conoscere le classificazioni delle bevande, le migliori pratiche che i barman usano per memorizzare ricette di cocktail.

Ma prima di arrivare a tutto questo, cerchiamo di capire quali ricette hai bisogno di memorizzare in primo luogo.

Che cosa hai bisogno di memorizzare?
Non ha senso imparare 1.000 ricette di cocktail che non farai mai.

In generale, la maggior parte dei bar richiede solo che tu faccia gli stessi cocktail. E quel numero di cocktail di solito varia tra 20-50 ricette diverse.

Per essere un barman efficace per quel luogo, tutto ciò che devi fare è capire quali sono questi cocktail e affidarli alla tua memoria. Questo dovrebbe risolvere la maggior parte dei tuoi problemi.

Quindi, prima di entrare nelle attuali tecniche di memoria, è necessario scoprire quali cocktail sono per il bar per cui lavori, in modo da poter memorizzare prima queste ricette, basta chiedere alla direzione o ai barman più esperti con cui lavori. Saranno in grado di dirti esattamente cosa devi ricordare e quale sia la ricetta.

Una volta che hai esaurito l’essenziale, puoi iniziare a esplorare diverse ricette di cocktail che non sono così comunemente servite nel tuo bar, ma comunque importanti da sapere. Il Sazerac, così come i cocktail più famosi che ogni barman dovrebbe sapere.

Con tutte queste ricette dedicate alla memoria, la vita da barman sarà piuttosto facile.

Comprendere le classificazioni delle bevande
Quando senti parlare di barman che hanno memorizzato più di mille ricette di cocktail, sembra impressionante. E probabilmente ti chiedi come sono riusciti a memorizzarne così tante.

Quindi ti farò conoscere un piccolo segreto. Molte di queste ricette sono THE SAME!

Beh, per lo meno, sono MOLTO simili. C’è una cosa nota come le famiglie degli American drinks perché molti cocktail hanno ricette simili anche se sono chiamate con nomi differenti.

Quando ti rendi conto di quanto siano simili queste ricette, le “memorizzerai” molto più facilmente.

Dai un’occhiata a questo articolo

Questo ha senso perché quando hai bisogno di imparare centinaia di ricette diverse. Ed è qui che le classificazioni delle bevande possono davvero aiutare.

Ad esempio, quando sai che Cosmopolitan, Sidecar e Margarita si dividono dalla stessa classificazione di bevande perché sono quasi uguali ad eccezione dello spirito di base (il Cosmo richiede anche l’aggiunta di succo di mirtillo per aggiungere colore), in sostanza arrivare a memorizzare 3 ricette in una.

Per aiutarti a iniziare, vedi sotto per alcuni esempi.

Classificazioni importanti delle bevande:

Sour: spirito di base, agrumi, zucchero – occasionalmente aggiunta dal’albume (Whisky sour, Amaretto Sour)

Sparkling + sour: Sour con aggiunta di sodato (Tom Collins, Gin Fizz)

Muddled: Bevande che richiedono l’uso di un muddler (Caprioska, Caipirinha)

Martinis: bevande che si basano sul vermouth (Martini, Manhattan)

Ora, passiamo ad alcuni strumenti / tattiche specifici che è possibile utilizzare per memorizzare una serie di ricette per cocktail.

Possiamo aggiungere che quasi sempre le dosi per:

La base alcolica è: 4,5 cl

Una crema: 2 cl (per i cocktail nella flûte 1 cl)

Sciroppi:1 cl ogni 10 cl

Bitters: dashes

Chiedi a un barman esperto come hanno memorizzato centinaia di ricette e di solito dicono la stessa cosa, la ripetizione.
Quando guardi uno di questi barman fare i cocktail, non pensano nemmeno a quello che stanno versando. Hanno fatto queste bevande così tante volte che hanno dedicato le ricette alla “memoria muscolare”. Ed è così che riescono a preparare questi cocktail così velocemente.

L’UNICO modo per arrivare a questo livello è attraverso la ripetizione. Devi fare gli stessi cocktail più e più volte, giorno dopo giorno, per mesi.

Questo è un punto importante. Perché se hai davvero intenzione di memorizzare una ricetta e renderla veloce, devi farla più e più volte finché non hai bisogno di pensarci.

Ma la ripetizione è solo la metà della storia.

Se non sanno nemmeno cosa sia un rum, la vodka o il pisco come farai?
La risposta è, non lo farai!

Prima di imparare le ricette devi conoscere veramente cosa stai miscelando, partendo dalla sua storia, origine e produzione.

Inoltre è necessario memorizzare quali sono le ricette prima di poter iniziare a riprodurle ripetutamente. Altrimenti sarai punto a capo.

La ripetizione cementerà la memorizzazione delle ricette dei cocktail ma non ti aiuterà a conquistare le fasi iniziali della memorizzazione.

Cosa succede se dimentichi una ricetta?

Non preoccuparti, tutti dimentichiamo le ricette ogni tanto. Quindi non è la fine del mondo. Se dimentichi una ricetta a metà turno, chiedi ai tuoi colleghi barman, google o consulta un libro di ricette.

Anche se sembra poco professionale, infastidisce gli altri barman, e significa che il cliente dovrà aspettare ancora un pò, ma almeno prenderanno la bevanda che hanno ordinato.

Con la consapevolezza che non hai ancora adeguatamente memorizzato quella data ricetta e cerca di farla tua.

Se scopri che stai continuamente dimenticando le ricette, significa che non le hai imparate abbastanza bene in primo luogo. Quindi torna sui libri e fai pratica.

Non c’è un modo semplice per aggirare questo. Devi metterti al lavoro ma ne vale la pena. Perché ti aiuterà a fare le bevande più velocemente.

In bocca al lupo!

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.