Categories: Miscelazione

Come ordinare un Martini

Chiedi a un barman un Martini e spesso ti troverai di fronte a qualche decisione. Ti piacerebbe che fosse fatto…

Dicembre 14, 2018 11:37 pm
Come ordinare un Martini

Chiedi a un barman un Martini e spesso ti troverai di fronte a qualche decisione. Ti piacerebbe che fosse fatto con gin o vodka, un’oliva o twist? Queste sono le domande di base, ma un buon barman spesso va un pò oltre.

A differenza di molti altri cocktail, il Martini è personale e tutti hanno le loro specifiche preferite. Il Martini è quasi cerimoniale, una bevanda che ha bisogno di pazienza. È un rituale.

Ecco 8 consigli su come ordinare un Martini nel tuo bar preferito.

1. Gin o Vodka
La scelta arriva alle preferenze personali. Con la fiorente scena del gin in Italia e all’estero, i gin Martinis hanno guadagnato popolarità. Ora abbiamo solo l’imbarazzo della scelta se vogliamo un London Dry, American Gins o un gin italiano. Ma non c’è bisogno di evitare la vodka. Se è una vodka che puoi sorseggiare bene, di solito va bene in un Martini.

2. Gusto
Nei primi anni, i Martini sono stati realizzati con un rapporto uno ad uno tra spirito e vermouth. Se preferisci un gusto secco, prova un rapporto 3:1 o il Churchill Martini, fatto con gin e una bottiglia di vermouth a vista. La scelta del vermouth può cambiare il sapore del Martini.

3. Temperatura
Il Martini si gusta al meglio molto freddo. Raffredda sempre i tuoi bicchieri o se hai lo spazio, tieni la bottiglia di gin o vodka nel freezer.

4. Bicchiere
Un Martini è pensato per essere gustato da 10 a 15 minuti. Più tempo passa e più si riscalda. Scegli un bicchiere piccolo come una coupé o il classico bicchiere Nick and Nora o la semplice coppetta martini da 7 cl.

5. Agitato o mescolato
James Bond potrebbe avere le sue preferenze ma è diventato sempre più raro vedere i Martinis scossi.
Se lo vuoi come Bond, assicurarti che non ci siano frammenti di ghiaccio nella bevanda.

6. Bitter
Quando si tratta di bitter, una spruzzata o due di orange bitter possono illuminare un Martini e lavorare bene con i prodotti botanici del gin.

7. Spray aromatici
Di solito non sono per i puristi del Martini, ma uno spray aromatico di agrumi o whisky pepato può aggiungere aromi sottili alla bevanda. Alcune opzioni da provare sono l’assenzio, una combinazione di pompelmo rosa, lime kaffir e arancia rossa.

8. Guarnizione
“Oliva o twist” è la domanda più frequente. Se ti piacciono le olive nel martini, le olive siciliane sono le migliori. Per un tocco di limone, spremere gli olii dal limone sopra la bevanda. Altre note popolari includono rosmarino per note legnose ed erbacee, twist di arancia, lemon peel e cipolle in agrodolce per il Gibson.

Vi lascerò con un’altra perla di saggezza. Un Martini non è per tutti, non dare per scontato che i tuoi amici possano gestire quel Vesper Martini che volevi farli.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

Tre domande a Gianluca Di Giorgio

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Di Giorgio, bar manager del Lamo (Milano) Raccontaci…

By

Guida definitiva: come fare un Martini Cocktail.

In questa guida vi elencheremo i punti essenziali per ottenere un Martini Cocktail perfetto.…

By

Vermouth Mulassano storia e uso nei cocktails

I Vermouth Mulassano - come potrebbe rivelare il nome - provengono dall'Italia. Dalla città…

By

This website uses cookies.