Categories: Preparati e basi

Come preparare l’Oleo Saccharum di mandarino

  Oleo Saccharum che si traduce in "olio di zucchero" era un comune modificatore di cocktail nel diciannovesimo secolo, usato…

Dicembre 19, 2019 12:11 am

Oleo Saccharum che si traduce in “olio di zucchero” era un comune modificatore di cocktail nel diciannovesimo secolo, usato principalmente nei punch. A differenza dello sciroppo, offre un sapore più luminoso e più ricco.

Abbiamo descritto Oleo Saccharum in un precedente articolo e questo metodo si avvale di una tecnica relativamente comune ed economica, la quale si avvale di un macchina per il sottovuoto alimentare.

Preparare l’oleo saccarum di mandarino usando un sigillatore e sottovuoto è un processo molto semplice che difficilmente merita una ricetta. Basta sbucciare i mandarini, rimuovere il midollo bianco, posizionare la buccia del mandarino in un sacchetto per il sottovuoto, aggiungere abbastanza zucchero semolato da coprire le scorze e sigillare sottovuoto. Il vuoto ha l’effetto di estrarre gli oli dalla buccia e mescolarli con lo zucchero che si dissolve in uno sciroppo aromatizzato e denso.

Come preparare l’Oleo Saccharum di mandarino usando una macchina sottovuoto per alimenti

Ingredienti

Buccia di mandarino
Zucchero semolato

Attrezzatura

Busta sottovuoto
Macchina sottovuoto per alimenti

Metodo

Sbucciare i mandarini (escludendo la parte bianca).
Metti la buccia del mandarino in un sacchetto per il sottovuoto con abbastanza zucchero semolato a coprire. Sigillare la busta con la sigillatrice e sottovuoto e lasciarla a temperatura ambiente.
Lo zucchero inizierà a combinarsi con gli oli di agrumi e si trasformerà in uno sciroppo dolce con un brillante sapore di mandarino.

Per usarlo, basta semplicemente aprire la busta sottovuoto e usare il mandarino oleo saccharum secondo necessità.

Suggerimenti per preparare il mandarino Oleo Saccharum

La rimozione del midollo bianco assicura che non ci sia amarezza nell’oleo saccharum.

L’uso dello zucchero semolato è molto importante poiché lo zucchero bianco normale è troppo grossolano e non si dissolve completamente nell’olio di mandarino.

Invece di scartare la buccia del mandarino dopo l’uso, può essere disidratata e utilizzata come garnish per un cocktail.

La polpa di mandarino può essere spremuta e aggiunta all’oleo saccharum per formare un sorbetto al mandarino.

Usa l’oleo saccharum di mandarino in un Old Fashioned o come sostituto dello sciroppo di mandarino.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.