Categories: Il servizio al bar

Come scegliere il tuo cocktail dal menù

Sei mai entrato in un cocktail bar, ti sei tolto il cappotto, hai sorriso con affetto al tuo ospite, poi…

Dicembre 30, 2018 12:01 am

Sei mai entrato in un cocktail bar, ti sei tolto il cappotto, hai sorriso con affetto al tuo ospite, poi ti è stato consegnato il menu solo per capire che non hai idea di cosa stai leggendo? Non sei solo. Con il boom dei signature cocktail in pieno vigore, le bevande hanno iniziato a utilizzare ingredienti sempre più esoterici e terminologia di miscelazione per gli addetti ai lavori. Non preoccuparti, siamo dalla tua parte e ti aiuteremo a decodificare quei cocktail.

Prima di iniziare a leggere quello che hai di fronte, vogliamo dare un pò di consigli preventivi: non andare al bar per esplorare il menu di sabato sera. Meglio scegliere serate più tranquille, così potrai fare molte domande al barman. Anche se questo non è obbligatorio, potrebbe renderti la vita un pò più semplice.

Qual è lo spirito base?

La maggior parte dei cocktail sono a base di un distillato principale, anche se ci sono ottimi cocktail con birra o vino. Se hai uno spirito preferito, prova a trovare un cocktail che si sviluppano intorno ad esso. Se il tuo cocktail è a base di gin, probabilmente sarà aromatico e un pò erbaceo. Un cocktail a base di whisky potrebbe avere un gusto più fumoso. Questo è un buon punto di partenza per decidere cosa ordinare, ma il tuo viaggio non si ferma qui.

Quali ingredienti alcolici secondari sono presenti?

È davvero difficile determinare se ti piacerà un cocktail quando non hai mai provato la maggior parte degli ingredienti. Chartreuse, Amaro Montenegro e Cynar sono solo alcuni esempi di ingredienti meno noti. Se non ti è familiare, la maggior parte dei barman sarà felice di versarti un pò dell’ingrediente in questione o almeno di dirti che sapore ha. Se il posto è affollato e ti senti timido, google è tuo amico!

Quali ingredienti non alcolici sono nel mix?

Questo è il tuo punto forte. Spesso questi sono sapori che conoscerai. Limone, lime, ananas, fragola, menta, cioccolato. Sìì! Ma ci possono essere ancora alcuni gusti che non ti sono familiari come l’ibisco. Ma molti di questi ingredienti assomigliano a cose che hai provato, quindi trovare un punto di riferimento non dovrebbe essere difficile. Ad esempio, se chiedi a qualcuno che sapore ha l’ibisco, potresti trovare risposte come “melograno” o “bacche”. Un’altra cosa che ti tranquillizzerà è che spesso gli aromi non alcolici non avranno molto impatto sulla bevanda come quelli alcolici, quindi c’è un pò più margine di manovra in termini di quali bevande si vorrà e non vorrà provare.

Ultimo consiglio

Prendi una birra in bottiglia (è meglio) se:
Non sei stato accolto con un saluto e un sorriso
Se avverti un atteggiamento di superiorità da parte del personale.
L’ambiente non è curato

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.