Categories: Attrezzatura Miscelazione

Come si tiene un strainer Julep?

Esistesse un modo "giusto" o un modo "sbagliato" per tenere il julep strainer? In realtà è una questione di preferenze…

Maggio 24, 2019 12:09 am
Come si tiene un strainer Julep?

Esistesse un modo “giusto” o un modo “sbagliato” per tenere il julep strainer? In realtà è una questione di preferenze personali.

In primo luogo, una breve storia
I julep strainer sono così chiamati per il loro scopo originale: sono stati progettati per trattenere il ghiaccio e la menta nel Mint Julep. (Particolarmente importante se avevi i baffi.) Alla fine il compito di filtrare un cocktail è diventato il lavoro del barman e l’Hawthorne Strainer è stato inventato, prendendo gran parte della gloria del colino julep. Se voi sapere di più leggi questo articolo

L’unico riferimento che abbiamo potuto trovare che illustrava specificamente la direzione dello strainer era è in un brevetto del 1890, chiaramente con il filtro rivolto verso il basso.

“Conchiglia” rivolta verso il basso (lato convesso verso l’alto)
La prima cosa da notare è che la stragrande maggioranza delle risorse “come fare” sul web raccomandano questo metodo, con il cucchiaio rivolto verso il basso, “coppa” del ghiaccio. Pochi hanno detto perché.

“Conchiglia” rivolta verso l’alto (lato convesso verso il basso)
Non abbiamo trovato una singola risorsa che dicesse alla gente di tenere i loro filtri julep in questo modo, ma questo non significa che sia sbagliato. Alcuni lo preferiscono perché, mentre si versa, il peso del ghiaccio aiuta a mantenere il filtro julep in posizione. Questo orientamento colloca il filtro julep più in profondità nel vetro, che può essere più comodo se si hanno mani più grandi o se si sta mescolando un cocktail (singolo).

Hawthorne Strainer
Ovviamente, l’Hawthorne Strainer ha sostituito la maggior parte dei filtri Julep dietro il bar e per una buona ragione: è semplicemente un filtro migliore. Alcuni barman concordarono e dissero che non si preoccupavano affatto dello strainer, attaccandosi all’Hawthorne. (E in alcuni casi relegando al julep strainer il compito di raccogliere le olive dal barattolo)

Il verdetto?
Come sempre, dipende! L’unico messaggio che possiamo dare è che in realtà dipende molto dal filtro julep e dal mixing glass. Alcuni funzionano meglio in alto e alcuni funzionano meglio verso il basso. Quindi fai ciò che funziona per l’attrezzatura (e le mani) che hai, e non abbiamo intenzione di dirti come fare il tuo lavoro!

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.