Categories: Merceologia

Come sono prodotti i caffè decaffeinati

Il caffè è un prodotto delizioso e del tutto naturale che contiene diverse centinaia di diverse sostanze chimiche e che…

Maggio 22, 2012 2:14 pm
Il caffè è un prodotto delizioso e del tutto naturale che contiene diverse centinaia di diverse sostanze chimiche e che contribuiscono a definire il suo sapore e aroma. La caffeina è solo una di queste sostanze naturali.

Si tratta di un processo estremamente difficile quello di rimuovere solo la caffeina e lasciare gli altri prodotti chimici intatti. A tutti gli effetti questo è un compito impossibile.

Il caffè è disponibile in due varietà principali: caffè Arabica e caffè Robusta. L’Arabica contiene circa la metà della quantità di caffeina come la Robusta.

Così come fanno i produttori a togliere la caffeina dal chicco?

Il processo di decaffeinizzazione ha molte varianti, ma iniziano tutti con il chicco di caffè crudo verde.

Un metodo comune è noto come “trattamento delle acque” che è stato originariamente sviluppato dagli svizzeri nel 1930.

Questo processo implica l’ammollo dei chicchi di caffè verdi in acqua calda per estrarre tutti i composti solubili e semi solubili (compresa la caffeina) nella soluzione. Il primo lotto di chicchi di caffè vengono poi rimossi e gettati via. La soluzione contenente tutti i composti di caffè viene quindi trattata per rimuovere la caffeina passando attraverso filtri di carbonio. Questi filtri a carboni sono progettati per rimuovere solo le molecole  della caffeina e per consentire gli altri composti di passare attraverso.

A questo punto, il liquido ottenuto da questa lavorazione, privo di caffeina ma ricco di tutti gli altri componenti solubili del caffè, viene reintrodotto nei semi di caffè decaffeinati che, nel frattempo, sono stati parzialmente essiccati. tutto questo processo di lavorazione viene effettuato più volte fino a che non è stato rimosso almeno il 98% della caffeina.

I chicchi di caffè vengono quindi rimossi e mandati via per l’essiccazione. Essi vengono conservati e spediti sul mercato.

Questo processo viene ripetuto molte volte utilizzando la soluzione originale, che viene continuamente trattata per rimuovere la caffeina.

Altri processi utilizzati per eliminare la caffeina si affidano su principi simili a quelle del trattamento delle acque.

Va notato che ci sono diversi criteri per il caffè decaffeinato, come l’etichettatura: La norma internazionale richiede il 3% massimo di caffeina presente nel chicco.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

Tre domande a Gianluca Di Giorgio

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Di Giorgio, bar manager del Lamo (Milano) Raccontaci…

By

Guida definitiva: come fare un Martini Cocktail.

In questa guida vi elencheremo i punti essenziali per ottenere un Martini Cocktail perfetto.…

By

Vermouth Mulassano storia e uso nei cocktails

I Vermouth Mulassano - come potrebbe rivelare il nome - provengono dall'Italia. Dalla città…

By

Storia della bottiglietta del Campari Soda

Da giovane artista futurista italiano, Fortunato Depero esplodeva di creatività quando, nel 1915, annunciò…

By

This website uses cookies.