Categories: Merceologia

Come sono prodotti i caffè decaffeinati

Il caffè è un prodotto delizioso e del tutto naturale che contiene diverse centinaia di diverse sostanze chimiche e che…

Maggio 22, 2012 2:14 pm
Il caffè è un prodotto delizioso e del tutto naturale che contiene diverse centinaia di diverse sostanze chimiche e che contribuiscono a definire il suo sapore e aroma. La caffeina è solo una di queste sostanze naturali.

Si tratta di un processo estremamente difficile quello di rimuovere solo la caffeina e lasciare gli altri prodotti chimici intatti. A tutti gli effetti questo è un compito impossibile.

Il caffè è disponibile in due varietà principali: caffè Arabica e caffè Robusta. L’Arabica contiene circa la metà della quantità di caffeina come la Robusta.

Così come fanno i produttori a togliere la caffeina dal chicco?

Il processo di decaffeinizzazione ha molte varianti, ma iniziano tutti con il chicco di caffè crudo verde.

Un metodo comune è noto come “trattamento delle acque” che è stato originariamente sviluppato dagli svizzeri nel 1930.

Questo processo implica l’ammollo dei chicchi di caffè verdi in acqua calda per estrarre tutti i composti solubili e semi solubili (compresa la caffeina) nella soluzione. Il primo lotto di chicchi di caffè vengono poi rimossi e gettati via. La soluzione contenente tutti i composti di caffè viene quindi trattata per rimuovere la caffeina passando attraverso filtri di carbonio. Questi filtri a carboni sono progettati per rimuovere solo le molecole  della caffeina e per consentire gli altri composti di passare attraverso.

A questo punto, il liquido ottenuto da questa lavorazione, privo di caffeina ma ricco di tutti gli altri componenti solubili del caffè, viene reintrodotto nei semi di caffè decaffeinati che, nel frattempo, sono stati parzialmente essiccati. tutto questo processo di lavorazione viene effettuato più volte fino a che non è stato rimosso almeno il 98% della caffeina.

I chicchi di caffè vengono quindi rimossi e mandati via per l’essiccazione. Essi vengono conservati e spediti sul mercato.

Questo processo viene ripetuto molte volte utilizzando la soluzione originale, che viene continuamente trattata per rimuovere la caffeina.

Altri processi utilizzati per eliminare la caffeina si affidano su principi simili a quelle del trattamento delle acque.

Va notato che ci sono diversi criteri per il caffè decaffeinato, come l’etichettatura: La norma internazionale richiede il 3% massimo di caffeina presente nel chicco.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.