Categories: Miscelazione Prodotti

Come usare Drambuie nei cocktail

Povero, non amato Drambuie. Tipicamente travolto nell'angolo dei drinks menu, questo liquore speziato a base di whisky è probabile che…

Giugno 19, 2018 10:28 pm

Povero, non amato Drambuie. Tipicamente travolto nell’angolo dei drinks menu, questo liquore speziato a base di whisky è probabile che possa avvertire un complesso di inferiorità.

Oggettivamente parlando, Drambuie non è il problema. Come la maggior parte dei liquori alle erbe, colpisce tutte le note dolci e speziate. Ma ha perso un pò di prestigio, in parte grazie alla reputazione sopravvalutata degli anni ’60 e ’70 con il cocktail Rusty Nail, un cocktail da due ingredienti realizzato con lo scotch e Drambuie.

Secondo il produttore, William Grant & Sons, l’eredità di Drambuie risale al 1745, iniziando come “elisir personale” per la reginetta scozzese Bonnie Prince Charlie, che “beveva poche gocce ogni giorno per forza e vitalità. “Senza rivelare la ricetta, descrivono le componenti chiave del liquore come “whisky scozzese invecchiato, miele di erica, erbe e spezie ” e si noti che lo spirito di base è infuso con chiodi di garofano e zafferano.

Oggi, è più probabile che Drambuie venga avvistato con Scotch nei cocktail, di solito nelle bevande che strizzano l’occhio alla struttura del Rusty Nail. Spesso però, in queste nuove iterazioni, la dose di Drambuie viene ridotta a un accento.

Drambuie in generale, data la sua dolcezza e il suo corpo arrotondato, Il più delle volte equilibra le bevande dove non è necessario alcuna aggiunta di zucchero. Più insolitamente, Drambuie fa l’occasionale apparizione a sorpresa nelle bevande tiki come un dolcificante speziato, un ruolo simile a quello del dram pimento o del vellutato falerno. Molti liquori alle erbe si abbinano bene alle bevande tropicali, che considera Drambuie appartenente alla stessa famiglia di Bénédictine, Chartreuse e Galliano.

Mentre è improbabile che molti barman consiglieranno di sorseggiare Drambuie da solo, c’è un’eccezione a ogni regola, con alcune modifiche. Creato per un concorso di cocktail, è ulteriormente infuso con succhi di arancia e limone per una variazione più luminosa e pronta all’uso, che si raffredda e si riempie di champagne. Suggeriamo un Milk-Washed Drambuie possa essere gustato anche da solo. Versato sul ghiaccio, per la diluizione, potrebbe essere il modo più semplice e moderno per gustare questo liquore altrimenti “fuori moda”.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.