Categories: In evidenza

Con ADI Apicoltura il grande miele biologico alla conquista del Cibus

Dal 5 all'8 maggio l'azienda di Tornareccio (Ch), tra i leader a livello nazionale, protagonista a Parma con i suoi prodotti…

Aprile 29, 2014 3:52 pm
Dal 5 all’8 maggio l’azienda di Tornareccio (Ch), tra i leader a livello nazionale, protagonista a Parma con i suoi prodotti certificati, oggi richiesti in tutto il mondo

Il suo miele biologico è richiesto non solo in Italia ma in tutto il mondo: dagli Stati Uniti al Giappone, passando per Honk Kong, Nord Europa, Svizzera e Germania, sono numerosi i negozi di alta gastronomia dove trovare i prodotti di ADI Apicoltura. E oggi l’azienda di Tornareccio, la storica “capitale abruzzese del miele”, ha scelto una vetrina d’eccezione per implementare le sue strategie e incontrare gli operatori professionali italiani ed esteri: il Cibus di Parma, il Salone internazionale dell’alimentazione che si svolgerà dal 5 all’8 maggio prossimi alla fiera di Parma. L’appuntamento è al padiglione 6, stand j065.

All’evento, l’azienda fondata da Dario Iacovanelli e oggi portata avanti dai figli Piero e Fabio, quarta generazione Iacovanelli, presenterà il meglio della sua produzione: in primo luogo il suo miele biologico che, assieme a quello classico, è raccolto rigorosamente in Italia dalle migliori fioriture (acacia, agrumi, castagno, ciliegio, eucalipto, girasole, melata di bosco, rosmarino, timo, sulla, tiglio e millefiori), ricercate nelle varie regioni dove l’azienda porta i suoi 1600 alveari con la tecnica del nomadismo. Miele puro e assolutamente naturale che, non appena gli alveari fanno ritorno nello stabilimento di Tornareccio, viene estratto mediante centrifugazione e confezionato senza alcuna sofisticazione. Il tutto garantito da tre certificazioni: Bio Agricert, Bio Agricert, Usda Organic (Stati Uniti) e Canada Organic (Canada), cui si aggiungono per la qualità globale certificazioni prestigiose come la British Retail Consortium di Bureau Veritas, l’International Food Standard e Star-K-Kosher (certificato rilasciato da associazioni ebraiche ma ormai considerato uno standard internazionale a prescindere dall’origine religiosa). A Parma, infine, operatori e visitatori potranno conoscere anche le altre specialità bio dell’alveare (pappa reale, propoli, polline) e golosità come creme e torroni a base di miele.

“E’ per noi motivo di soddisfazione – dicono i fratelli Piero e Fabio Iacovanelli – essere presenti ad un evento così importante come Cibus: sarà l’occasione per far conoscere ad un pubblico qualificato il nostro miele, in particolare quello biologico, sinonimo di qualità e naturalezza, che da oltre centocinquant’anni sono la mission della nostra famiglia. Questa partecipazione rappresenta un tassello importante in una strategia di promozione che, negli anni, ci ha fatti conoscere in tutto il mondo. Il miele e i prodotti Adi Apicoltura, dunque, rappresentano il made in Italy più buono e sano. E di questo noi andiamo fieri”..

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.