Categories: Sala-Bar

Conservazione del vino

Il sapore, il colore e l'aroma di ogni vino è unico. Ogni vino ha un segreto che si rivela solo…

Luglio 24, 2012 10:40 pm
Il sapore, il colore e l’aroma di ogni vino è unico. Ogni vino ha un segreto che si rivela solo quando abbiamo aperto la bottiglia e assaggiato. Tuttavia, una volta aperto, colore e gusto iniziano a deteriorarsi, questo è dovuto alla reazione del vino con l’ossigeno nell’aria.
Questo processo di ossidazione, conferisce un gusto sgradevole e amaro al vino, tingendo di toni marroni, profumi piacevoli si trasformano in rancido.

Se l’intera bottiglia si consuma, l’ossidazione non è un problema. Per un ristorante, un hotel o bar, può essere molto redditizio per offrire vini di qualità al bicchiere, il ché richiede la presenza di molte bottiglie aperte.

Cosa fare? Fortunatamente, l’ossidazione può essere combattuta, permettendo al vino aperto di essere conservato in buono stato per settimane, invece di poche ore. Ad un livello elevato ci sono due metodi di conservazione, e lo scopo di entrambi è quello di evitare il contatto con l’aria di vino:

Conservazione a vuoto d’aria. Implica di estrarre l’aria dalla bottiglia aperta, lasciando un vuoto naturale. Se non c’è aria nella bottiglia, non c’è ossidazione. Per tempi di conservazione più lunghi, è importante garantire l’accurato livello di vuoto che massimizza la vita del vino. Il sistema di aspirazione di precisione che sta dando migliori risultati è il Presorvac.

Conservazione gas. È quello di introdurre un gas inerte come azoto o argon nella bottiglia. La teoria è che per essere più pesante dell’aria, il gas inerte coprire la superficie del vino in aria e quindi impedendo l’ossidazione.

Entrambi i metodi, possono tenere il vino in condizioni ottimali per 2 o 3 settimane. Ma nessun metodo è in grado di dare un tempo illimitato per la conservazione. Con il metodo di gas inerte, il problema principale è che i gas di diversa densità non vengono separati in strati omogenei. L’impianti a gas inerti è quello di diluire la concentrazione di ossigeno per rallentare l’ossidazione, ma non togliere ossigeno al 100%.

Con il metodo di vuoto può eliminare quasi tutta l’aria dalla bottiglia, ma non raggiunge il 100%. Pertanto i due metodi forniscono 2 a 3 settimane di stoccaggio, ma nessun sistema offre ritenzione indefinita.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.