Categories: La professione

Copyright e cocktail

Il tema della protezione dei tuoi cocktail si è sviluppato ultimamente. Dopo la sessione di Eben Freeman sui cocktail e…

Gennaio 30, 2019 10:19 pm

Il tema della protezione dei tuoi cocktail si è sviluppato ultimamente. Dopo la sessione di Eben Freeman sui cocktail e la proprietà intellettuale, la conversazione ha iniziato a polarizzarsi e due scuole di pensiero si stanno formando, pro-protezione e contro la protezione delle ricette.

In linea di massima in Italia un barman può cercare una tutela solo se scrive un ricettario, ma la ricetta in quanto tale non ha i presupposti per essere qualificata opera d’ingegno tutelabile.

Con la rapida crescita della nostra comunità di barman e, per l’attenzione crescente dei media, ci sono persone che vorrebbero trasformare le loro opere legate alle bevande in qualche forma di reddito o almeno ottenere il riconoscimento per il loro lavoro. Tuttavia, cibo e bevande sono esenti dalle leggi sul copyright, sui marchi e sui brevetti che rendono molto difficile proteggere le proprie opere. Il problema nasce quando altri prendono il merito per il lavoro non loro e non danno il riconoscimento o l’attribuzione al vero creatore.

Quindi qual è il problema, è solo una ricetta? Beh, in realtà, può essere molto di più. Ad esempio, prendiamo la pretesa di Eben di essere uno dei creatori del “fat washing” e degli spiriti infusi con il bacon. Il suo lavoro ha sicuramente iniziato una tendenza nella comunità dei cocktail e ha generato un sacco di curiosità. Era, culinariamente parlando, un processo unico. Ora ecco la parte che fa arrabbiare la gente – una compagnia di distillati crea la vodka al bacon, prendendo il credito per la creazione unica, approfittando sostanzialmente dal fatto che non usano pancetta reale, ma aromatizzanti artificiale alla pancetta.

Il punto è, che un’idea è stata ripresa, distillata al minimo comune denominatore e non accreditata. Inoltre nessun vantaggio finanziario per il lavoro di Eben.

Questo lascia i barman creativi con alcune scelte. L’opzione in cui i barman manterranno le loro ricette segrete. A volte funziona, ma se hai intenzione di farlo, segui le orme di Mr. Ramos.

Il rovescio della medaglia è che anche se manterrai le tue ricette segrete, le persone sono abbastanza intelligenti e creeranno approssimazioni ravvicinate del tuo drink, che potrebbero effettivamente diventare più popolari del tuo originale.

Il “fat washing” di Eben era piuttosto semplice in termini di chimica, ma non importa, è la nuova applicazione di una vecchia tecnica – che può essere brevettata. Tecnicamente, il processo di estrazione può essere brevettato, perché è chimica e non alimentare. Non servi il “processo di estrazione” per vendere il prodotto finale. Tuttavia, la bevanda getta una chiave negli ingranaggi di protezione del brevetto. Se intendi commercializzare il tuo “processo” come un’invenzione, ti apri alle rivendicazioni di violazione di altri brevetti: è una strada a doppio senso.

Non c’è niente di sbagliato nel proteggere il proprio lavoro, e se la protezione non fosse disponibile tramite il sistema dei brevetti, non saremmo tecnologicamente avanzati. Per tutti gli oppositori, basta leggere i vecchi libri di ricette prima delle leggi sul copyright, la stragrande maggioranza è plagiata, praticamente parola per parola. È così brutto che in realtà rintracciare chi ha creato la ricetta è estremamente difficile, inoltre ci sono sempre piccoli cambiamenti che rendono ancora più difficile riprodurre la bevanda originale. Protezione e documentazione tengono le cose chiare.

Il metodo migliore per proteggere il tuo lavoro è mettere la tua ricetta allo scoperto e dare con entusiasmo credito agli altri per il loro lavoro e le loro creazioni.

Idealmente, il mondo del barman professionista seguirà quello della Fratellanza Internazionale dei Maghi. Ecco un’organizzazione di volontariato che esiste da 86 anni con l’obiettivo di promuovere tre cose:

1. Organizzare individui interessati alla pratica e alla promozione dell’Arte della Magia
2. Facilitare lo scambio di idee per i trucchi da presentare al pubblico
3. Promuovere l’armonia tra coloro che sono interessati alla magia

Rimuovi la parola magia e sostituiscila con bartending o mixology e siamo in affari. La cosa interessante dei maghi è che sono stati abbastanza bravi a mantenere i loro segreti commerciali. Dipendono l’uno dall’altro per avere successo, ma a volte c’è una spia che svela i segreti al pubblico, ma per la maggior parte delle volte, è una categoria di professionisti piuttosto solida. Come gruppo hanno un senso condiviso di scopo, che la maggior parte dei barman non ha in questo momento.

Quindi, per concludere, Eben ha ragione che i processi veramente unici dovrebbero per lo meno essere riconosciuti e attribuiti alle persone. Non crediamo che Eben stia dicendo “dammi tutti i soldi”, quello che vuole è una forma di riconoscimento.

Andrea marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.