Categories: La professione

Cose che possono irritare il cliente

Il barman è una delle grandi professioni sociali, associato di glamour e bei momenti. Ma anche i barman sbagliano alcune…

Aprile 10, 2012 1:39 pm
Cosa non ci piace

Il barman è una delle grandi professioni sociali, associato di glamour e bei momenti. Ma anche i barman sbagliano alcune volte e c’è un sacco di cose che possono irritare i clienti. Nessun cliente è così esigente come un altro barman, abbiamo parlato con alcuni dei più grandi barman per scoprire ciò che odiano di più quando visitano un bar.
I risultati? Le risposte variano da una mancanza di competenza tecnica, cattive maniere e decisamente poca igiene.

Il cliente ha sempre torto

Un giro di drinks dovrebbe essere presentato al cliente allo stesso tempo – o il più vicino possibile l’uno all’altro. O almeno si potrebbe pensare …

“Il nostro scopo era piuttosto semplice;.. Un Negroni e un succo di pompelmo e Campari. Il barman prima preparò il Negroni e lo mise davanti al mio amico, invece di lavorare sul mio ordine, ha deciso che la priorità era quella di prendere gli snacks. Non mi assicurò che la mia bevanda era in lavorazione. Il mio amico ha chiesto se poteva iniziare a preparare il mio drink. La sua risposta fu che ‘tutti i succhi freschi sono finiti e che ci sarebbe voluto tempo per lui di spremere il succo di pompelmo”. Davvero?

Il servizio con un ringhio

Si potrebbe pensare che il minimo che si può aspettare da un barista è un sorriso. A quanto pare no.

“Quello che non mi piace quando si va in un istituto del bere è la mancanza generale di ospitalità, che si verifica in tanti luoghi e quando dico ospitalità, mi riferisco al pacchetto complessivo: Saluto all’arrivo, stimolo alla conversazione, la conoscenza di bevande e di un comportamento piacevole. Sorridi! Si tratta di un settore in cui si interagisce con le persone, quindi è necessario essere pronti a farlo.

Giù le mani

A volte l’etichetta di base è ovviamente assente.
Chiesi il mio Martini Cocktail quando il barman ha cominciato a filtrare il mio Martini tra le dita. Mi fermai un attimo e dissi che l’accordo era con l’uso dello strainer.

Mantenere le apparenze
Il personale è essenziale per costruire una buona reputazione per il vostro bar. L’aspetto di un barista può influenzare la scelta del drink.
L’aspetto è importante – se emanano odore di alcol, sono spettinati o con le unghie sporche, per me si tratta di una bottiglia di birra.

È davvero necessario che un barista deve gustare ogni bevanda che prepara?

“Personalmente non posso sopportare di vedere bere o annusare le bevande preparate dal barman, e stranamente non ho mai visto nessuno rifare la bevanda. Certo, essi devono sapere cosa stanno facendo. Se si risponde con la vecchia castagna di gustare i succhi di frutta per verificare se sono più o meno aspri rispetto al giorno prima, rispondo che devono essere controllati prima del servizio.

Sono finiti i giorni in cui un bar dovrebbe vantare di avere una moltitudine di sciroppi aromatizzati sul retro-bar. “È inaccettabile in questi giorni di poter usare i succhi artificiali o concentrati.”

Maxxium Wayne Collins pone grande importanza sul galateo, “Nel nostro programma di formazione e istruzione ci si concentra su cinque principi guida per la soddisfazione degli ospiti. Questi sono:.. Riconoscimento con un sorriso, il riconoscimento del cliente; anticipare le esigenze del cliente, un servizio ordinato e una chiusura piacevole. Purtroppo, un sacco di baristi salta il primo e l’ultimo. L’ospite non è una interruzione del loro lavoro.

CLASSE distinzioni
“Una delle cose che odio è quando in un bar chiedo una particolare marca e poi sentirsi dire dal barista che non è una buona scelta o che avrei dovuto scegliere qualcosa di diverso. Forse il gusto del barista è migliore del mio. Insultando il  discernimento del cliente non è un buon servizio al cliente. “

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.