Categories: Prodotti

Crème Yvette

La storia della Crème Yvette inizia nel tardo XIX secolo. Fu prodotto e venduto per la prima volta negli Stati…

Gennaio 31, 2019 9:31 pm

La storia della Crème Yvette inizia nel tardo XIX secolo. Fu prodotto e venduto per la prima volta negli Stati Uniti intorno al 1890 dalla Sheffield Company del Connecticut. Successivamente, fu acquistata da Charles Jacquin et Cie. La più antica compagnia americana d’America, nel 1900, quando Crème Yvette fu venduta in tutto il mondo. Oggi, la Crème Yvette è prodotta a mano in Francia.

CRÈME YVETTE è una miscela tutta naturale di quattro frutti di bosco: mûre (more), framboise (lampone), cassis (ribes nero) e fraise sauvage (fragola selvatica), miscelati con petali di viola essiccati della Provenza. Solo i migliori frutti e viole sono selezionati per l’infusione della Crème Yvette. Molto semplicemente, prestano il più alto grado di cura e attenzione all’integrità. Utilizzando un processo di macerazione vinimatica; la vinimatica “pressoir” utilizza una pressa pneumatica per estrarre il sapore intenso e ricco della miscela di frutta e botaniche. Come tocco finale, aggiungiamo un tocco di miele e scorze d’arancia.

Crème Yvette è incredibilmente ben fatta, vicino a Bordeaux, in Francia.

Le note di degustazione primarie sono intense e ricche di frutti di bosco, abbinate alla profondità e alla raffinatezza di un sottile tocco botanico

Bottiglia: trasparente a forma di campana, un pò come lo stile di un rum antico o una bottiglia di brandy del 1800 con etichette e grafiche semplici ma eleganti, della belle époque. Dà al tuo backbar quel look da bistrot di Parigi. La confezione originale è un ottimo regalo da regalare o ricevere. Attraente e rétro allo stesso tempo. Un paio di ricette di bevande sul retro tra cui un Pousse Cafè. Il vetro goffrato, i segni del pomello, la fodera blu e dorata del collo e un tappo in sughero naturale con un piano in legno completano l’elegante confezione.

Considerazioni finali: uno dei liquori più interessanti che abbiamo incontrato. Ben fatto e eccellente nel complesso. Data la sua storia ed essendo un ingrediente indispensabile per alcune ricette, lo consigliamo anche se lo troviamo un pò caro.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.