Categories: Prodotti

Crème Yvette

La storia della Crème Yvette inizia nel tardo XIX secolo. Fu prodotto e venduto per la prima volta negli Stati…

Gennaio 31, 2019 9:31 pm

La storia della Crème Yvette inizia nel tardo XIX secolo. Fu prodotto e venduto per la prima volta negli Stati Uniti intorno al 1890 dalla Sheffield Company del Connecticut. Successivamente, fu acquistata da Charles Jacquin et Cie. La più antica compagnia americana d’America, nel 1900, quando Crème Yvette fu venduta in tutto il mondo. Oggi, la Crème Yvette è prodotta a mano in Francia.

CRÈME YVETTE è una miscela tutta naturale di quattro frutti di bosco: mûre (more), framboise (lampone), cassis (ribes nero) e fraise sauvage (fragola selvatica), miscelati con petali di viola essiccati della Provenza. Solo i migliori frutti e viole sono selezionati per l’infusione della Crème Yvette. Molto semplicemente, prestano il più alto grado di cura e attenzione all’integrità. Utilizzando un processo di macerazione vinimatica; la vinimatica “pressoir” utilizza una pressa pneumatica per estrarre il sapore intenso e ricco della miscela di frutta e botaniche. Come tocco finale, aggiungiamo un tocco di miele e scorze d’arancia.

Crème Yvette è incredibilmente ben fatta, vicino a Bordeaux, in Francia.

Le note di degustazione primarie sono intense e ricche di frutti di bosco, abbinate alla profondità e alla raffinatezza di un sottile tocco botanico

Bottiglia: trasparente a forma di campana, un pò come lo stile di un rum antico o una bottiglia di brandy del 1800 con etichette e grafiche semplici ma eleganti, della belle époque. Dà al tuo backbar quel look da bistrot di Parigi. La confezione originale è un ottimo regalo da regalare o ricevere. Attraente e rétro allo stesso tempo. Un paio di ricette di bevande sul retro tra cui un Pousse Cafè. Il vetro goffrato, i segni del pomello, la fodera blu e dorata del collo e un tappo in sughero naturale con un piano in legno completano l’elegante confezione.

Considerazioni finali: uno dei liquori più interessanti che abbiamo incontrato. Ben fatto e eccellente nel complesso. Data la sua storia ed essendo un ingrediente indispensabile per alcune ricette, lo consigliamo anche se lo troviamo un pò caro.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.