Categories: La professione

Da allievo a maestro del bar

Man mano che la tua carriera avanza, potresti trovarti in una posizione in cui ti vengono poste domande e consigli…

Settembre 8, 2019 10:55 pm

Man mano che la tua carriera avanza, potresti trovarti in una posizione in cui ti vengono poste domande e consigli da coloro che hanno meno esperienza. C’è un po’ più gratificazione del rispetto della tua community e dei tuoi colleghi. Mentre può essere allettante andare in giro per la città e iniziare a dispensare consigli, c’è un modo giusto e un modo sbagliato di diventare un maestro.

Il tuo sapere è una progressione naturale in una relazione basata su uno scambio equo di idee. È un ruolo che deve essere sviluppato. Prima di poter dare le risposte, devi avere qualcuno che ti faccia domande. Se hai saltato questo passaggio, corri davvero il rischio di arrecare danno alla tua carriera: a nessuno piace sapere tutto.

Ci sono sempre dei momenti in cui dare il meglio di te nel caos dei bar, ma come abbiamo detto prima, non è mai bello essere un martire. Inoltre, non è mai una buona idea consentire al management di trarre vantaggio dal tuo entusiasmo. Sii intelligente, ma sii onesto. Il tuo tempo libero è tuo, e soprattutto in un settore in cui la ricerca e lo studio sono fondamentali per far avanzare la tua carriera, è un bene inestimabile.

Tieni separato il tuo lavoro e la tua vita personale e mantieni un sano equilibrio tra vita professionale e vita privata. Ciò ti consente di essere il tuo io migliore possibile. Non tutte le persone con cui lavori saranno sulla stessa idea, ma come leader, è tua responsabilità assicurarti che l’intero del team arrivi al traguardo. I momenti stressanti sono alla base del corso e tenersi attrezzati per gestirli ti farà sempre risaltare.

Fai un passo in avanti dal primo giorno fino all’ultimo, promuovi un ambiente di lavoro sano e fai un passo avanti quando necessario. Se senti il ​​bisogno di sfogarti sul lavoro o una situazione personale, fallo dopo le ore di lavoro in compagnia di amici intimi e fidati. Mentre il lavoro al bar ha una grande componente sociale, le persone che sono in grado di riconoscere la differenza tra lavoro e gioco avranno il maggior successo.

I migliori mentori sono quelli che sono noti per assicurarsi che le cose procedano senza intoppi, sia che si tratti di un evento o di un turno di lavoro impegnativo. C’è un sacco di sacrificio, perché c’è sempre qualcosa da prevenire. Non fare la vittima e non fare il possibile con un’attesa di lode. Che tu lo sappia o no, le persone vedono questo tipo di cose. Il tuo impegno per la squadra e il dialogo sano contribuiscono a conquistare il rispetto dei tuoi collaboratori o colleghi.

Essere un leader non significa solo essere il primo ad entrare e l’ultimo ad uscire. Può anche essere semplice come lavorare per affermarti come autorità su un numero qualsiasi di argomenti.
Hai una passione per i single malt? Leggi, assaggia, visita blog, assaggia ancora. Partecipa agli eventi educativi locali ospitati dai marchi. Se condividi liberamente le tue conoscenze, verrai rapidamente visto come un’autorità in materia.
Man mano che la tua esperienza cresce, dovrai affrontare domande alle quali non hai sempre la risposta. Questi sono alcuni dei momenti migliori da cui imparare. Certamente non succederà dall’oggi al domani, ma l’interesse focalizzato per qualsiasi cosa, dalla Tequila alla Viticoltura, all’essere attivo nel locale può produrre un’esperienza e una saggezza inestimabili.

Umiltà:
Questo è probabilmente uno dei punti più importanti e ogni barman degno di nota lo applica a tutti gli aspetti della sua carriera. L’umiltà è il segno distintivo di ogni grande leader.
Può essere molto allettante permettere al tuo ego di gonfiarsi un po’ (Succede a tutti). I dolori della crescita non sono mai un processo comodo e facile da attraversare, e ci sono innumerevoli storie di barman da raccontare in momenti umilianti.
I migliori mentori che abbiamo avuto nella vita sono persone incredibilmente umili. I grandi maestri prendono i momenti più difficili e li usano non solo per insegnare, ma per mantenerli radicati.

Mentre è allettante far sapere a tutti esattamente quanto sai, in un tour alla fabbrica di birra o in un seminario, è spesso meglio lasciare che gli altri abbiano la parola. Se conosci la risposta, la domanda non è necessariamente per te. A volte è meglio incoraggiare coloro che hanno meno esperienza a salire sotto i riflettori.

Se desideri essere l’insegnante, devi conoscere il tuo studente. Essere un maestro non riguarda te, si tratta di creare un impatto positivo sugli altri e sulla comunità nel suo insieme.
Sii gentile e di supporto
Il tuo primo “allievo” non sarà un asso. Un giorno potrebbe esserlo. Il tuo obiettivo come insegnante è che lo studente superi le tue capacità.

Un mentore è qualcuno che può offrire la voce dell’esperienza. Quel livello di esperienza può essere terrificante per i barman più giovani. Per quanto sia bello essere sulla cima, i barman, soprattutto quelli più giovani, sono spesso gelosi dei barman particolarmente affascinanti, veloci o veramente innovativi. Non essere distaccato. Condividi le tue esperienze e diventa un insegnante attivo.

I migliori bartender vogliono sempre essere migliori e questa aspirazione spesso inizia dal primo giorno. Potrebbero sapere letteralmente tutto sul bartending più sbagliato. Possono essere sciatti, smemorati o non conoscere la differenza tra cognac e un brandy.
Se hanno passione per il lavoro, possono presentarsi in tempo e offrire all’ospite una buona esperienza, le abilità possono essere insegnate. La personalità no.

È importante essere gentili e solidali e alimentare l’entusiasmo crudo in momenti concreti. Quel ragazzo eccitabile e goffo potrebbe portare avanti il ​​proprio programma di crescita in pochi anni, mantenendo attivo il ciclo in corso per la prossima generazione di assi. Sta a te aiutarli a portarli lì.

Ci sono innumerevoli modi per posizionarti come mentore, ma i temi rimangono costanti. Duro lavoro e umiltà sono il segno distintivo dei leader del settore. Capire che la maggior parte del lavoro è decisamente privo di glamour è un grande passo. Sognare il successo sta mettendo il carro davanti ai buoi; quei momenti si basano su ore e ore di lavoro coerente e dedicato. Ricorda di essere la voce della ragione di cui avevi bisogno quando eri più giovane.
Stabilisci te stesso come una voce di ragione e autorità. Analizza i tuoi fallimenti tanto quanto i tuoi successi. L’introspezione ti renderà un insegnante più onesto. Se sei fortunato, puoi aiutare qualcuno a evitare i tuoi stessi errori
Tutti commettiamo errori. Il primo passo per diventare un mentore è identificare i tuoi difetti ed essere abbastanza umile da aiutare le tue esperienze di apprendimento a coloro che seguono le tue orme.

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.