Categories: Prodotti

De Kuyper una grande storia di famiglia

I profumi di ginepro, chiodi di garofano, liquirizia e arancia essiccata riempiono l'aria, nell'infuso capannone del quartier generale di De…

Dicembre 3, 2019 11:00 am

I profumi di ginepro, chiodi di garofano, liquirizia e arancia essiccata riempiono l’aria, nell’infuso capannone del quartier generale di De Kuyper a Schiedam, una cittadina alle porte di Rotterdam. Enormi vasetti di ceramica smaltata rivestono le pareti, impreziositi dai nomi olandesi dei prodotti che stanno maturando al loro interno: gember, anijszaad, koriander. L’impianto di distillazione in rame antico si trovano all’interno. I boccaporti sul pavimento coprono enormi serbatoi in cui i sapori vengono lentamente infusi nell’alcool, pronti per essere esportati in tutto il mondo. Ma è l’odore che ricordi, una miscela di medicinali e dolci, come un farmacista gestito da Willy Wonka.

“Sono cresciuto con quell’odore”, afferma Marc de Kuyper, l’undicesima generazione della sua famiglia che lavora nel settore della distillazione. “Ero solito venire qui durante le vacanze scolastiche e fare tutti i lavori che nessun altro voleva fare: disimballare scatole, pulire i pavimenti, i lavori umili”.

Marc de Kuyper è qui dalla sua infanzia, ma la sua famiglia è in questo posto dal 1911, e a Schiedam dal 1893, quando, insieme ad altri distillatori, fu cacciato via da Rotterdam. La stessa attività risale almeno al 1695, quando Petrus de Kuyper si registrò come produttore di botti a Horst, nel sud dei Paesi Bassi. Il nome di famiglia significa “bottaio” – produttore di botti – il che suggerisce che erano stati nel settore anche da prima.

La tradizione è importante per l’azienda. I primi due granai acquistati nel lontano 18° secolo erano chiamati Heart e Anchor e il logo aziendale è un’ancora all’interno di un cuore decorato in tutta la fabbrica, glassato su finestre e incastonato nella pietra sopra la porta d’ingresso. Ma De Kuyper non è bloccato nel passato. Vende 60 milioni di bottiglie di alcolici ogni anno in 130 paesi, rendendolo il più grande distillatore di cordiali al mondo.

La maggior parte delle attività riguarda gli alcolici del mercato di massa, il cherry brandy dai colori vivaci, il curaçao blu e la crema di menta in bottiglie che si rivolgono ai bevitori più giovani. Ma esiste anche un portafoglio ultra premium che include Peachtree e ha recentemente iniziato a vendere prodotti realizzati dalla micro distilleria Rutte in Olanda, che produce jenever innovativi.

Forse anche un po’ di romanticismo aiuta. La maggior parte della produzione è stata spostata al vecchio quartier generale. Non c’è motivo commerciale per cui il processo di infusione debba rimanere lì. Ma significa che quasi ogni bottiglia di alcolici De Kuyper contiene un prodotto che ha dato vita a quella sala profumata. Ovunque nel mondo le bevande di De Kuyper hanno assorbito, un po’ di quella magia di Schiedam. Willy Wonka ne sarebbe orgoglioso.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Etichetta: champagne e prosecco: da Brut a Doux

Champagne Da dove viene la dolcezza dello champagne? il termine "Brut" è semplicemente un…

By

Bacardi Martini presenta tre drink inverno 2019

Bacardi Martini accoglie l'inverno 2019 con tre drink pensati ad hoc per la stagione…

By

Guida definitiva: la storia del rum

Le persone associano innumerevoli idee romantiche riguardo al rum. I tropici e le spiagge…

By

Cos’è Aguardiente? Storia e produzione

Dire che gli indiani nativi delle Americhe avevano abitudini alimentari misteriose è un'eufemismo. L'aguardiente…

By

FIB: I barman della Basilicata campioni d’Italia

  È lucano il cocktail a km zero più buono d'Italia premiato a Cagliari,…

By

Tre domande a Christian Di Giulio bar manager del Mercato Vianova, Perugia

Perugia e l’Umbria in generale, è da molti considerata la patria del buon mangiare…

By

This website uses cookies.