Categories: Merceologia

Distillati e liquori

Uno spirito o un liquore è una bevanda alcolica prodotta dalla distillazione di un liquido già alcolico ("wash") prodotto dalla…

Giugno 27, 2018 10:51 pm

Uno spirito o un liquore è una bevanda alcolica prodotta dalla distillazione di un liquido già alcolico (“wash”) prodotto dalla fermentazione, più comunemente vino o birra.

Il termine “spirito” ha numerosi significati, ma in riferimento all’alcol, la parola deriva dall’alchimia mediorientale in cui il vapore generato dalla distillazione e raccolto dopo la condensazione veniva indicato come uno spirito della sostanza originale.

Il “liquore”, e in effetti “liquido”, deriva dal verbo latino liquere, che significa essere fluido. L’uso della parola “liquore” come termine per una bevanda alcolica risale al XVI secolo.

Birra, vino e altre bevande fermentate sono limitate ad un contenuto alcolico massimo di circa il 18% alc./vol. poiché i lieviti che producono alcol durante la fermentazione non possono sopravvivere in alcolici molto al di sopra di questo. La distillazione può essere utilizzata per concentrare l’alcol nella bevanda fermentata per produrre uno spirito.

La distillazione separa l’alcol dall’acqua e altre sostanze nella bevanda fermentata tramite l’evaporazione a causa dell’alcool di etanolo che bolle ad una temperatura inferiore rispetto all’acqua. La distillazione ha anche il vantaggio di separare l’alcol etanolo dalle tossine nelle bevande fermentate come gli oli di metanolo e di fusel a causa della loro bollitura a temperature diverse.

Vale la pena notare che una forma primitiva di distillazione può essere ottenuta congelando la bevanda alcolica e quindi rimuovendo il ghiaccio. A differenza della distillazione a vapore, questo ha l’effetto negativo di concentrare i livelli di tossine piuttosto che ridurle / rimuoverle.

Il termine alcolici viene generalmente utilizzato per bevande con un contenuto alcolico superiore al 18% alc./vol. senza zucchero o basse quantità di zucchero. Le bevande alcoliche con più di 100 grammi per litro di zucchero sono definite “liquori” piuttosto che spiriti.

Il regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, definisce le “bevande spiritose” come “bevande alcoliche destinate al consumo umano.” Per definizione, le bevande spiritose possiedono particolari qualità organolettiche e hanno un titolo alcolometrico minimo di 15% vol. Le bevande spiritose sono prodotte direttamente per distillazione, macerazione o aggiunta di aromi, oppure mescolando una bevanda spiritosa con un’altra bevanda, l’alcol etilico di origine agricola o alcuni distillati. “

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

L’Olfatto incide su Gusto e Sapore? Esercizi per allenare l’olfatto

Una premessa che vorrei fare, sempre prima di cominciare a parlare di Home Made,…

By

Massimo Stronati vivere e lavorare al bar in America

Ho iniziato a lavorare nel bar di famiglia credo alle elementari, per emulare il…

By

Alamea Liquori la tua base per cocktail exotic e tiki di alta qualità

L'idea Alamea nasce all'incirca ad Aprile 2017, ci dice tutto Elis Carriero cofondatore e…

By

Gabriele Tammaro ci racconta la sua esperienza al mondiale IBA

Ciao Gabriele, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi? Ho iniziato nel…

By

Dry Martini cocktail? Risponde Lucio D’Orsi del Dry Martini Sorrento

Lucio D’Orsi, classe 1979, è oggi l’anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento. Lo…

By

Intervista a Marco Macelloni del Franklin 33 di Lucca.

Incontriamo Marco comproprietario del Franklin 33 di Lucca, Marco ci parla della sua esperienza…

By

This website uses cookies.