Categories: Prodotti

Distilleria Highland Park Whisky

Il nostro whisky, come la nostra casa sull'isola, è modellato da un clima selvaggio e da mari tempestosi, e dai…

Agosto 24, 2018 10:50 am
Highland Park

Il nostro whisky, come la nostra casa sull’isola, è modellato da un clima selvaggio e da mari tempestosi, e dai Vichinghi che si stabilirono qui oltre 1.000 anni fa, lasciando il segno sulla nostra gente e sulla nostra cultura.

L’importanza della torba per il whisky non può essere sopravvalutata. Il nostro viene tagliato a mano da Hobbister Moor, a sole sette miglia dalla distilleria. Più di 9000 anni e quasi quattro metri di profondità, è composto da strati su strati di vegetazione densamente compattata: il DNA delle Orcadi. Sotto costante assalto da venti feroci, nessun albero sopravvive sulla brughiera esposta e sterile dell’isola, quindi la nostra torba è priva di legna, ma ricca di erica.
La nostra torba viene tagliata ad aprile, essiccata naturalmente durante l’estate e poi bruciata nelle nostre antiche fornaci, dove il suo fumo aromatico di erica infonde l’orzo della malta.

Siamo una delle poche distillerie a trasformare ancora il nostro malto a mano. Sicuramente labour intensive, ma è solo questo duro lavoro – lo sforzo che mettiamo in ogni chicco – a conferire quel sapore aromatico che rende così distintivo l’Highland Park.
Poiché l’orzo da birra produce una quantità considerevole di calore, lo curiamo scrupolosamente a mano, ogni otto ore, sette giorni alla settimana, per mantenere un flusso d’aria costante e la giusta quantità di umidità (5%) per assorbire completamente l’intenso fumo aromatico – ‘il reek’ prodotto dalla torba Hobbister Moor fumante nelle nostre antiche fornaci.

Siamo senza vergogna ossessionati dalle botti. Inizia con alberi – quercia europea e americana – accuratamente selezionati e tagliati a doghe a esattamente 45° per rendere difficile la fuga di qualsiasi spirito. Esattamente come i nostri antenati vichinghi rendevano stagne le loro lunghe navi!
Spediamo le doghe a Jerez, nel sud della Spagna, dove vengono trasformate in botti, riempite con Oloroso Sherry e lasciate maturare per circa due anni prima di essere svuotate e rispedite in Orkney per essere riempite con il nostro whisky. Costoso sì, ma con le botti che contribuiscono fino all’80% del sapore finale del nostro whisky, e tutto il suo colore naturale, vale ogni centesimo.

Per i produttori di whisky, la posizione è importante. Riguarda l’impatto del clima locale sulle botti e l’impatto delle botti sulla maturazione.
Le Orcadi sono un gruppo remoto di circa 70 isole, disseminate in acque tempestose al largo della costa settentrionale della Scozia, dove il Mare del Nord incontra l’Oceano Atlantico, quindi la nostra distilleria si trova quasi nel Circolo Polare Artico, all’incirca alla stessa latitudine di Anchorage, in Alaska. Tuttavia, il nostro clima è sorprendentemente temperato, raggiungendo picchi di soli 16° C in estate e minimi di circa 2° C in inverno, perfetti per una maturazione lunga, fresca e uniforme nei nostri magazzini dell’isola.

Creare un whiskey equilibrato richiede tempo e abilità, ma creare l’equilibrio intenso che distingue Highland Park richiede anche un’armonizzazione. Pensiamo che sia fondamentale ma molte distillerie lo ritengono una stravaganza.
Per ogni lotto di Highland Park rilasciato, Gordon Motion, il nostro Master Whisky Maker, seleziona e combina fino a 150 botti, lasciando riposare lo spirito appena sposato per almeno un mese prima di essere imbottigliato. Durante quel periodo di riposo critico, i sapori delle diverse botti si combinano e si armonizzano, ottenendo un equilibrio intenso che viene erogato attraverso il gusto completamente arrotondato del nostro whisky e un finale lungo e soddisfacente.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By