Categories: Prodotti

Domaine de Canton Ginger liqueur

Un po di storia:Con il nome The Original Canton Ginger Liqueur il liquore è stato prodotto fino al 1997 in…

Febbraio 15, 2012 4:53 pm
Un po di storia:
Con il nome The Original Canton Ginger Liqueur il liquore è stato prodotto fino al 1997 in Doumen, un quartiere della città di Zhuhai nel Pearl River Delta nella Cina meridionale di Guangdong, vicino a Macau. Fu venduto in quantità limitata negli Stati Uniti diventò  popolare nella alta cucina fusion asiatica. Nella sua formulazione originaria, il liquore comprendeva negli ingredienti  sei varietà di zenzero, ginseng, “hierbabuena”, brandy e miele. Il suo grado alcolico era del 20 per cento ed era venduto in bottiglie di vetro decorate con varie fantasie.
La permanenza del prodotto sul mercato è durata dal 1992 al 1995. E’ stata ufficialmente interrotta nel 1997.

Nuova ricetta:

Nel 2007, John Cooper  ha l’illuminazione e riprende l’idea di produrre un liquore allo zenzero chiamato New ginger canton Ginger & Cognac Liqueur. Il liquore segue una nuova ricetta e viene prodotto a Jarnac, Francia.
La nuova formula ha un grado alcolico del 28 per cento, è di colore dorato, ed è confezionato in una bottiglia a forma di bambù.
Aspetto:  giallo paglierino. Ha spessore e da l’idea di essere un liquore corposo ma al tempo stesso ha una grande lucentezza.
Si tratta di liquore fatto da un infuso di sciroppo a base di zenzero fresco e cognac Grand Champagne VSOP macerato con una miscela di vaniglia di Tahiti, fiori d’arancio, miele, Ginseng e zucchero di canna.
Prima impressione olfattiva: speziato, note di zenzero, con sentori di vaniglia, miele ed il ginseng più in sottofondo.
Sapore: Aromatico, tonificante e dolce al tempo stesso. Lo zenzero qui è dolce e ricorda quello che si avverte nel ginger ale, ha un sapore dolce in un primo momento con il calore zenzero che si espande ai bordi della lingua e nella parte posteriore della gola. In bocca il gusto ricorda quello che lascia una caramella di zenzero con però una sensazione molto meno invadente, più controllata diciamo, piccante ma senza una vischiosità stucchevole; sentori di zenzero candito al miele e vaniglia e un finale persistente di frutta e spezie orientali.
Pensate  come ad un cognac addolcito con un lieve morso di spezie e con sfaccettature di aromi degne di un vermouth.

Aspetto Bottiglia: in vetro smerigliato a forma cilindrica concava presenta delle strisce nere concentriche, sembra quasi un’interpretazione in stile Art Deco di bambù o un pezzo di ceramica coreana della dinastia Han con una etichetta semplice ma elegante, con la scritta oro Domaine de Canton collocata in un cerchio nero che ricorda un medaglione al centro della bottiglia. Il tappo è fatto di metallo. Raffinato ed elegante ha un packaging che lo fa ben apparire in qualsiasi bar sia esso American bar, Contemporaneo- minimal o Tiki.

È importato e distribuito da Maurice Cooper et Cie., un’azienda americana con sede a New York. Nella sua precedente formulazione, è stato distribuito da Charles Jacquin et Cie., una società con sede a Philadelphia, Pennsylvania.
Riconoscimenti: Nel 2008, al San Francisco World Spirits Competition il liquore ha vinto la medaglia d’oro (Best of Show) nella categoria liquore alle erbe/spezie. Ha vinto il Best of Show al Concorso Beverage mondiale 2007-2008.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By