Categories: La professione

Dovrebbero i barman assaggiare ogni bevanda che servono?

I grandi barman sono come i grandi chef? Sono entrambi intensamente concentrati sul sapore e sulla qualità, controllando costantemente le…

Dicembre 31, 2018 11:53 pm

I grandi barman sono come i grandi chef? Sono entrambi intensamente concentrati sul sapore e sulla qualità, controllando costantemente le loro creazioni per l’equilibrio e la consistenza. Ma mentre gli chef possono gustare il loro cibo tutta la notte nella privacy della loro cucina, i barman sono davanti al pubblico, ma spesso testano il drink con un sorso veloce e discreto, conosciuto nel settore come il test della cannuccia.

Un barista prende una cannuccia di plastica, la immerge in una bevanda meticolosamente preparata e chiude l’estremità con un dito, intrappolando il liquido all’interno finché non viene distribuita nella sua bocca, tutto nel nome del controllo di qualità.

Poiché la cultura del cocktail continua a crescere e richiede un nuovo standard di eccellenza. La degustazione della cannuccia è un modo accettabile per testare un drink prima di servirlo?

Per la maggior parte dei bar, la qualità inizia con i singoli ingredienti. I prodotti freschi sono ovviamente fondamentali, ma anche con una fonte affidabile, potrebbero esserci sbocchi di gusto. Un gruppo di limoni potrebbe essere croccante per le labbra, mentre un altro delicato o quasi dolce.

Scott Koehl, afferma che il suo gruppo regola le proporzioni degli ingredienti per i cocktail in base ai prodotti di quel giorno.

Quando si parla di controllo della qualità, osserviamo tutti i diversi modi di controllare temperatura, gusto, colore e linea di riempimento, prima che tu assapori anche con la cannuccia, di solito puoi capire se qualcosa non va. Il cocktail dovrebbe essere un colore coerente e raggiungere la stessa linea di riempimento ogni volta.

Inoltre i barman dovrebbero assaggiare le infusioni, i succhi e qualsiasi altra cosa aperta prima del servizio. La cosa più importante è che le bevande abbiano lo stesso sapore, indipendentemente da chi la produca o da quanto sia impegnata la notte.

Assaggiare il cocktail prima di servilo indica insicurezza e poca esperienza, inoltre non ci è mai capitato di vedere il barman buttare via il cocktail.

Per ora, la percezione degli standard di qualità spetta al gestore del bar e forse ancora più importante, al cliente (come sempre).

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.