Categories: La professione

Dovrebbero i barman assaggiare ogni bevanda che servono?

I grandi barman sono come i grandi chef? Sono entrambi intensamente concentrati sul sapore e sulla qualità, controllando costantemente le…

Dicembre 31, 2018 11:53 pm

I grandi barman sono come i grandi chef? Sono entrambi intensamente concentrati sul sapore e sulla qualità, controllando costantemente le loro creazioni per l’equilibrio e la consistenza. Ma mentre gli chef possono gustare il loro cibo tutta la notte nella privacy della loro cucina, i barman sono davanti al pubblico, ma spesso testano il drink con un sorso veloce e discreto, conosciuto nel settore come il test della cannuccia.

Un barista prende una cannuccia di plastica, la immerge in una bevanda meticolosamente preparata e chiude l’estremità con un dito, intrappolando il liquido all’interno finché non viene distribuita nella sua bocca, tutto nel nome del controllo di qualità.

Poiché la cultura del cocktail continua a crescere e richiede un nuovo standard di eccellenza. La degustazione della cannuccia è un modo accettabile per testare un drink prima di servirlo?

Per la maggior parte dei bar, la qualità inizia con i singoli ingredienti. I prodotti freschi sono ovviamente fondamentali, ma anche con una fonte affidabile, potrebbero esserci sbocchi di gusto. Un gruppo di limoni potrebbe essere croccante per le labbra, mentre un altro delicato o quasi dolce.

Scott Koehl, afferma che il suo gruppo regola le proporzioni degli ingredienti per i cocktail in base ai prodotti di quel giorno.

Quando si parla di controllo della qualità, osserviamo tutti i diversi modi di controllare temperatura, gusto, colore e linea di riempimento, prima che tu assapori anche con la cannuccia, di solito puoi capire se qualcosa non va. Il cocktail dovrebbe essere un colore coerente e raggiungere la stessa linea di riempimento ogni volta.

Inoltre i barman dovrebbero assaggiare le infusioni, i succhi e qualsiasi altra cosa aperta prima del servizio. La cosa più importante è che le bevande abbiano lo stesso sapore, indipendentemente da chi la produca o da quanto sia impegnata la notte.

Assaggiare il cocktail prima di servilo indica insicurezza e poca esperienza, inoltre non ci è mai capitato di vedere il barman buttare via il cocktail.

Per ora, la percezione degli standard di qualità spetta al gestore del bar e forse ancora più importante, al cliente (come sempre).

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By

Whizz Bang cocktail

WHIZZ BANG Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 2,0 cl Vermouth dry Noilly Prat 4,5…

By