Categories: Miscelazione

Tecnica del Dry shake

Quando si preparano bevande contenenti panna e uova, è prassi comune scuotere prima la miscela senza ghiaccio, prima di scuotere…

Gennaio 2, 2018 11:09 pm

Quando si preparano bevande contenenti panna e uova, è prassi comune scuotere prima la miscela senza ghiaccio, prima di scuotere la bevanda una seconda volta con ghiaccio.

Questa pratica è conosciuta come “dry shake” la teoria è che prima agitazione senza ghiaccio, e quindi a una temperatura più alta, permette alla bevanda di emulsionare meglio producendo più aerazione e una schiuma più spessa sopra il cocktail finito.

Alcuni baristi mettono anche una molla dello strainer nello shaker durante il primo “dry shake” poiché agisce come una frusta all’interno dello shaker quando la bevanda viene agitata.

Trovo che l’uso di una molla non sia necessario almeno che non si tratti della panna per cocktails come il White Russian dove la panna rimane in sospensione.

L’agitazione a secco produce effettivamente più schiuma rispetto alla convenzionale agitazione con il ghiaccio. Ma non quanto “l’agitazione secca inversa”. Aristotelis Papadopoulos di Salonicco in Grecia rivendica di scoprire i benefici di questa tecnica.

Unisci tutti i tuoi ingredienti nello shaker e scuoti convenzionalmente con il ghiaccio. successivamente applica il dry shaker. Quindi versa la tua bevanda nel bicchiere attraverso un colino.

C’è stato un piccolo esperimento fatto usando il Ramos Gin Fizz come soggetto. Sebbene i risultati non siano stati mozzafiato, il dry shake inverso ha offerto più schiuma rispetto al dry shake tradizionale. Vale sicuramente la pena esaminarlo nel tuo bar.

Il segreto che nessuno vi dirà (ma noi lo faremo) è dirvi come agitare lo shaker per ottenere il miglior risultato.

La shakerata sarà verticale (alto – basso) e allo stesso tempo rotatoria. In pratica è lo stesso principi che si utilizza per montare il latte per il cappuccino.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

This website uses cookies.