Categories: Cocktails I.B.A.

Espresso Martini

Espresso Martini After Dinner 5 cl Vodka 0,5 cl Sciroppo di zucchero 1 cl Kahlua 1 Espresso corto Versare tutti…

Marzo 20, 2012 2:28 pm
ESPRESSO MARTINI

Espresso Martini

After Dinner
5 cl Vodka
0,5 cl Sciroppo di zucchero
1 cl Kahlua
1 Espresso corto
Versare tutti gli ingredienti nello shaker con ghiaccio. Shake. Filtrate in coppetta cocktail ben fredda.

Paragonato a una vodka e una Red Bull per i più esigenti, il caffè espresso Espresso Martini è composto da generosi 5 cl di vodka, un espresso, liquore al caffè e un pizzico di zucchero. Anche se non è un vero Martini, l’Espresso Martini è forse il più noto cocktail classico contemporaneo a emergere dagli anni ’90.

Guarnizione
È solitamente guarnitO con tre chicchi di caffè disposti in una formazione di petali galleggianti al centro della superficie cremosa, ciò deriva dal tradizionale servizio della Sambuca in Italia “con la mosca”. I tre fagioli rappresentano salute, ricchezza e felicità.

Storia / origini
La bevanda che conosciamo oggi come l’Espresso Martini è nata come Vodka Espresso, dal nome molto più appropriato. Creato nel 1983 da Dick Bradsell alla Soho Brasserie di Londra per un cliente che aveva chiesto un drink per “wake her up, and f**k her up”. Quando gli è stato chiesto esattamente perché si è stabilito quel drink quel giorno, Dick ha detto: “La macchinetta del caffè alla Soho Brasserie si trovava proprio accanto alla stazione dove servivo da bere. Era un incubo, perché ovunque c’erano fondi di caffè, quindi il caffè era molto per me, e alla fine vodka era tutto quello che bevevano “.

La ricetta originale di Dick prevedeva la vodka, lo sciroppo di zucchero, due tipi di liquore al caffè (Kahlua e Tia Maria) e un espresso appena fatto. Mentre gli anni Ottanta si trasformavano negli anni novanta, la gente beveva ancora la vodka, ma questo era il decennio del neo Martini – qualsiasi cocktail servito in un bicchiere a forma di V e basato sulla vodka era considerato un “Martini” e tali neo Martinis erano ciò che i frequentatori del bar ordinavano . Dick perfezionò e ribattezzò il suo Vodka Espresso all’Espresso Martini, allora più desiderabilmente chiamato. Infine, per completare la sua trilogia di cocktail al caffè, nel 1998 Dick ha ribattezzato la sua creazione in Pharmaceutical Stimulant e l’ha servito on-the-rocks all’inaugurazione della Farmacia a Notting Hill, dove erano appese le opere di Damian Hurst e Dick era Bar Manager.
Quindi, Vodka Espresso, Espresso Martini e Stimulant farmaceutico sono essenzialmente la stessa bevanda che si è trasformata in un paio di decenni per soddisfare i gusti di un pubblico e di una situazione in evoluzione.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.